Fausto Bertinotti è tornato: “Spazziamo via tutti con le elezioni”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:10

L’ex Presidente della Camera Fausto Bertinotti, ha rilasciato una serie di dichiarazioni in merito all’attuale crisi di Governo.

Fausto Bertinotti
Fausto Bertinotti (Facebook)

L’ex Presidente della Camera ed ex leader di Rifondazione Comunista, Fausto Bertinotti ha rilasciato una serie di dichiarazioni nel corso di un’intervista rilasciata ad una nota testata. Il tema è chiaramente quello della crisi di Governo, tema caro all’ex leader comunista, in quanto spesso trovatosi in situazioni limite, tra appoggi esterni a governi di centrosinistra ed improvvise sfiducie che spesso, di quegli stessi governi, hanno minato la tenuta.

Bertinotti non ha troppa fiducia degli attuale leader che caratterizzano la scena politica odierna. Questo è evidente se si leggono le sue dichiarazioni, se si riflette sul senso di certe parole, e si realizza quanto, da ex politico, immagini che l’unica soluzione percorribile, secondo molti, in realtà non esiste, non garantirebbe in ogni caso la tenuta di una maggioranza stabile, e quindi, andare a votare è l’unica soluzione possibile, secondo il suo punto di vista.

LEGGI ANCHE >>> Renzi annuncia le dimissioni dei ministri di Italia Viva

LEGGI ANCHE >>> Renzi a tutto campo, il rottamatore ne ha per tutti: dura risposta alle veline di Casalino

Fausto Bertinotti è tornato: “La mia esperienza, diversa da quella attuale”

“Sarebbe l’ora delle scelte coraggiose – dichiara Bertinotti  – quindi andare al voto. Lo dicono chiaramente anche due grandi vecchi come Macaluso e Formica. Questa è la via maestra, invece di puntare a galleggiare. Le condizioni tra la caduta del primo esecutivo guidato dal Professor Prodi e quelle che stanno alimentando lo scontro tra Renzi e Conte sono imparagonabili – continua – Rifondazione dava l’appoggio esterno e non chiese neppure un ministero. Meglio ricordarlo. Prodi pensò di sostituire i nostri voti con i cosiddetti responsabili ma sbagliò i calcoli e cadde per un voto”.

Una presa di distanza netta, insomma, tra quella che fu la sua esperienza come “guastatore” e quella che oggi, riguarda invece, Matteo Renzi.