Valeria Fabrizi, da Playboy a Suora: il retroscena dal passato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00

Valeria Fabrizi, la star di Che dio ci aiuti, è passata dalle foto su Playboy ad “essere suora” nella fiction di Rai Uno: il retroscena inaspettato

Che Dio ci aiuti, piccolo incidente per Valeria Fabrizi: come sta?
Valeria Fabrizi, Fonte foto: Instagram (@valeria_fabrizi_officialpage)

Che dio ci aiuti è la fortunata fiction di Rai Uno con protagonista Elena Sofia Ricci. Un’altra grande attrice che fa parte dello show è Valeria Fabrizi, che interpreta la temibile e brontolona Suor Costanza. Il pubblico è molto affezionato al suo personaggio e non si perderebbe per nulla al mondo tutte le mirabolanti avventure dei protagonisti della serie tv.

Tutti conoscono la Fabrizi per queste sue grandi interpretazioni, ma forse in pochi ricordano un retroscena sul suo passato, che in effetti all’attrice non fa troppo piacere ricordare, in quanto prova un senso di vergogna. Scopriamo insieme questa vicenda che riguarda una delle attrici più amate in televisione.

LEGGI ANCHE >>> Paura per Valeria Fabrizi, vittima dei ladri a Roma: cosa è successo?

LEGGI ANCHE >>> Suor Costanza, il dramma di Valeria Fabrizi: “l’ho perso per una crisi”

Valeria Fabrizi, il retroscena del passato: “Quando feci Playboy dopo mi vergognavo”

Che Dio ci aiuti, piccolo incidente per Valeria Fabrizi: come sta?
Valeria Fabrizi, Fonte foto: Instagram (@valeria_fabrizi_officialpage)

L’attrice è organa del papà Alberto, che fu catturato e assassinato dai tedeschi quando lei era ancora piccola. Crescendo ha fatto i più svariati lavori, dalla parrucchiera alla sarta. Il successo è arrivato con i fotoromanzi, le interpretazioni in alcuni film e il quarto posto a Miss Universo nel 1957, essendo dotata di una bellezza sopraffina.

Nel 1976 posò per la copertina di Playboy, un’esperienza che alla fine dei conti non ha gradito del tutto: “Inizialmente mi sentii una civetta, poi mi sono vergognata. È come se mi fossi venduta”.

Vanity Fair raccontò un aneddoto sulla sua carriera che un po’ le faceva provare imbarazzo, subito dopo aver posato per Playboy: “ero andata a fare Canzonissima con Pippo Baudo e lui mi chiamava da sotto: ‘Signora Playboy, puoi scendere per favore?’”.

Il motivo per cui fece quelle fotografie“Ho visto anche delle mie colleghe farle e ho pensato ‘Beh allora ci sto pure io'”. All’epoca comunque chiese al marito se era d’accordo nel fare quegli scatti. Aveva quarant’anni e non avrebbe più potuto farli.

Ad oggi è una delle protagoniste indiscusse della fiction Che dio ci aiuti, che recentemente è tornato a fare compagnia ai telespettatori di Rai Uno.