Trump non si rassegna, pronto per fermare il passaggio di presidente

Donald Trump dalla Georgia non molla la Casa Bianca. In attesa del passaggio ufficiale di consegna tra il presidente uscente e Joe Biden, vincitore dell’ultima tornata elettorale, il tycoon americano continua nel suo tentativo di ribaltare l’esito elettorale.

I democratici “non si prenderanno questa Casa Bianca. Lotteremo come dannati”, ha detto Trump durante il comizio in Georgia, alla vigilia dei ballottaggi che decideranno il controllo del Senato americano. “I democratici vogliono rubare la Casa Bianca, non potete lasciare che rubino il Senato statunitense – ha dichiarato – vinceremo e vinceremo alla grande. Dobbiamo farlo, per assicurare che la sinistra radicale non rubi i vostri voti”.

Leggi anche >>> Joe Biden fa il vaccino anti covid in diretta tv: Grazie Trump

Leggi anche >>> Trump twitta contro il lockdown in Gran Bretagna:Cura peggiore del male

Trump non si rassegna, pronto per fermare il passaggio di presidente. Nessun imbarazzo per l’intercettazione del Washington Post

Non è bastata l’intercettazione shock degli scorsi giorni, riportata sulle colonne del Washington Post. In quell’occasione Donald Trump chiederebbe al segretario di Stato proprio della Georgia, Brad Raffensperger, di “far saltare fuori 11mila voti“ dalle di questi giorni. Da Dalton ha poi lanciato una nuova offensiva “Tutto il mondo guarderà alla Georgia domani”, ha affermato Trump aprendo il comizio. Va bene perdere, ma un’elezione rubata “non si può accettare”, ha aggiunto, rimarcando che “è stata un’elezione truccata”: “In nessun modo abbiamo perso la Georgia”, ha detto. Quindi ha esortato gli elettori: “Domani dovete andare ai seggi in massa, siamo stati fregati e non possiamo lasciare che succeda di nuovo“. Se i candidati repubblicani perderanno in Georgia ai ballottaggi che decideranno il controllo del Senato americano, sarà “l’inizio del comunismo”.

Trump ha quindi esortato il vice presidente a non certificare mercoledì la vittoria elettorale di Joe Biden: “Spero che Mike Pence si faccia avanti per noi. Se non lo facesse, non mi piacerebbe più tanto”.

il presidente americano ha poi attaccato la Corte Suprema, rea di non aver ribaltato il risultato delle presidenziali: “La Corte Suprema ci ha delusi. Per ora. Poi chissà. Forse cambierà”.

La replica di Joe Biden arriva via twitter. “In America, i politici non possono togliere il potere o impadronirsene. Questo è dato loro dal popolo americano Non possiamo mai e poi mai rinunciarvi. La volontà del popolo deve sempre prevalere”.