Per caso non c’è scappato un altro morto: il VIDEO virale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:12

Il numero esiguo di feriti, fa ben sperare. Poi la notizia del ragazzo morto e le folli imprese di alcuni sprovveduti.

Botti
Botti (Facebook)

Un record positivo, paradossalmente nel malcostume, tradizione deviata, o come la si voglia chiamare, la dedizione a far esplodere vere e proprie bombe, darsi all’accensione di qualsiasi botto, una notizia positiva. Soltanto 8 feriti a Napoli. Città che lo scorso anno ne contava quasi 50. Diversi feriti anche nel milanese, e sparsi, un po’ovunque. Sembra andare tutto bene in quanto a bollettino post notte di Capodanno, ma poi arriva la notizia del 13enne morto ad Asti per un colpo all’addome ed iniziano a circolare i video delle folli gesta dei tanti sprovveduti a piede libero.

Nel napoletano, una donna è stata colpita da un colpo di pistola vagante. Era al balcone, probabilmente proprio per assistere allo spettacolo pirotecnico, quando è stata raggiunga alla testa da un proiettile, sparato da chissà chi, per festeggiare l’anno nuovo. La donna, trasportata prontamente in ospedale è fuori pericolo. Un fattaccio insomma, di quelli brutti, perchè si parla di arma da fuoco, esplosa cosi, per gioco, per divertimento.

LEGGI ANCHE >>> Capodanno, l’appello del governatore De Luca Non sparate fuochi d’artificio

LEGGI ANCHE >>> Capodanno 2021: chi se ne frega delle multe, viva la vita!

Mai così pochi feriti: un ferito denunciato per violazione del coprifuoco

Una delle persone ferite questa notte dall’esplosione dei botti tipici di Capodanno è stata, inoltre, denunciata per aver violato il coprifuoco. L’uomo, in piena notte, ha raccolto da terra un petardo inesploso, ferendosi la mano. Anche lui, portato in ospedale, non ha subito ferite gravi. Gli altri feriti, in maniera sempre, lieve, hanno in ogni caso avuto a che fare con botti esplosi male, o inesplosi.

Numerosi feriti anche nel milanese, ed un paio accertati in Sicilia. Ma in linea di massima, i botti si sono fatti sentire praticamente ovunque, con picchi nelle solite Napoli e Roma.