Addio 2020: l’ultimo saluto a Gigi Proietti, Sean Connery e Stefano D’Orazio

Tre grandissimi personaggi che hanno scritto pagine indimenticabili nel proprio contesto artistico. Perdite incolmabili.

Gigi Proietti
Gigi Proietti (Facebook)

2 novembre. Muore, nel giorno del suo ottantesimo compleanno, dopo alcune complicazioni dovute ad una crisi cardiaca, Gigi Proietti. Artista poliedrico e dalle incredibili doti. Uomo di teatro, per il quale ha speso tutta la sua vita, dalle grandi messe in scene, alla scuola da lui diretta a Roma. Il suo sorriso, la sua voce, quel tono guascone e surreale, la mimica, gli occhi, tutto facevano di Proietti uno tra i migliori attori che il pubblico italiano abbia mai applaudito. Le parentesi cinematografiche, ed una storia d’amore mai doma verso la sua grande passione, il teatro.

Addio 2020: Sean Connery

Sean Connery
Sean Connery (Facebook)

31 ottobre. Muore, all’età di 90 anni, alle isole Bahamas, circondato dall’affetto dei suoi familiari, Sean Connery, leggenda del cinema mondiale. I suoi film nel ruolo della spia britannica James Bond, gli sono falsi, fama ed una certa dose di immortalità. Quel personaggio, quelle frasi, vivono attraverso il suo volto, e non pare ci sia stato un altro James Bond più amato del suo. I grandi successi cinematografici, l’affermazione definitiva con “Il nome della rosa”, tratto dal romanzo di Umberto Eco, ed il premio Oscar per “Gli Intoccabili”, diretto da Brian De Palma. Una perdita incalcolabile per il cinema internazionale.

LEGGI ANCHE >>> Addio 2020: l’ultimo saluto a Franca Valeri, Cesare Romiti e Eddie Van Halen

LEGGI ANCHE >>> Addio 2020: l’ultimo saluto a Ennio Morricone, Carl Reiner e Sergio Zavoli

Addio 2020: Stefano D’Orazio

Stefano D'Orazio
Stefano D’Orazio (Facebook)

6 novembre. Muore all’età di 72 anni, in seguito all’aggravarsi delle sue già delicate condizioni di salute, a causa del Covid19, Stefano D’Orazio, indimenticabile batterista dei Pooh, probabilmente la più amata band del panorama musicale italiano. Le sue doti musicali, che gli hanno consentito nel corso della sua lunga carriera di cimentarsi anche nell’uso di altri strumenti musicali, e le straordinarie doti umane, hanno fatto di D’Orazio, uno dei personaggi più amati ed apprezzati dell’universo musicale italiano.