Lotteria Italia, crollo storico: non si verificava da 40 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:20

Un crollo che non succedeva da quasi metà decennio quello della Lotteria Italia durante tutto l’anno duemilaventi.

lotteria italia

 

Un crollo legato certamente alla crisi data dalla pandemia quello della Lotteria Italia. Per l’anno 2020 infatti sono stati acquistati solo 4,7 milioni di biglietti, con un calo generale del 30% delle vendite.

Non succedeva da 40 anni, quasi mezzo secolo, come delineato dall’agenzia Agipronews, con un incasso pari a circa 23,5 milioni di euro.

Solo nel 2019 i biglietti venduti erano stati 6,7 milioni, per un incasso totale di circa 34 milioni. Di questo calo non vi sono dubbi riguardo al fatto che sia dovuto alla crisi data dal coronavirus e dall’emergenza sanitaria in corso.

LEGGI ANCHE >>> Lotteria degli scontrini: Premi da 10mila a un milione di euro

LEGGI ANCHE >>> Lotteria Italia: a Torino 5 milioni di euro. Altri 20 biglietti da 100mila euro

Lotteria Italia, crollo storico: non si verificava da 40 anni, pochissimi i biglietti venduti

L’estrazione prossima della lotteria sarà il giorno 6 Gennaio, durante il programma “I soliti ignoti” dove verranno annunciati i nuovi biglietti vincenti. I premi arrivano fino ad un massimo di 5 milioni di euro.

Ma cosa sarebbe questa “Lotteria degli scontrini”?

Si tratta di una delle più grandi novità introdotte dal Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020. La cosiddetta “Lotteria degli scontrini” è una misura di contrasto all’evasione che consente a tutti i contribuenti di poter vincere dei premi in denaro.

Lo scontrino si trasforma in un vero e proprio biglietto per le estrazioni che avverranno ogni tre mesi, più un’estrazione finale all’anno con vincite anche abbastanza importanti, semplicemente attraverso l’acquisto di prodotti di qualsiasi genere.

Era stata avviata a partire da Luglio 2020, con queste determinate regole date per la vincita:

Ogni euro speso da diritto a dieci ticket elettronici, la spesa minima per poter partecipare è di 1 euro. Se il pagamento della spesa avviene attraverso carta di credito o bancomat, si ha diritto al 20% in più di ticket.