Disoccupati d’oro: reddito di cittadinanza e 47mila euro in auto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:12

Una vicenda incredibile che riguarda due coniugi fermati con decine di migliaia di euro in auto ma di fatto disoccupati.

Auto Guardia di Finanza
Auto Guardia di Finanza (Facebook)

Una storia che ha dell’incredibile, che arriva dalla provincia di Napoli, precisamente da Cercola. Una coppia di coniugi, fermata in auto, con circa 2kg di sigarette ed una borsa contenente 47mila euro. Per i due sono chiaramente scattate le manette, ma la scoperta più grande non era ancora stata fatta. I due nascondevano ancora qualcosa, di molto eclatante. Qualcosa che ha fatto sobbalzare gli agenti della Guardia di Finanza.

Perquisita in seguito, nel corso delle indagini ulteriori del caso, l’abitazione de due, sono stati stati trovati, all’interno di diversi abiti, la bellezza di 130mila euro in contanti. Una bela somma per due che, di fatto, risultano nullatenenti. Non solo, da un’indagine a stretto giro con con l’Inps si è scoperto che i coniugi, risultando disoccupati, percepivano anche il reddito di cittadinanza, e per il momento, avevano percepito in totale, circa 8mila euro.

LEGGI ANCHE >>> L’avevano truffata, il suo corpo ritrovato nel fiume: l’ha fatta finita?

LEGGI ANCHE >>> Ebay: la truffa delle foto PlayStation 5

Disoccupati d’oro: i due denunciati per ricettazione

Per i due è subito scattata la denuncia per ricettazione, a fronte degli elementi realisticamente a disposizione. A questo punto altre indagini partiranno per comprendere la rete che potenzialmente potrebbe coinvolgere anche i due coniugi. Grande soddisfazione da parte della Guardia di Finanza, per un controllo del tutto casuale, scattato cosi come tanti nel corso dei fari posti di blocco. Una semplice operazione che ha portato alla scoperta di un giro di soldi non da poco, oltre alle posizioni truffaldine dei due protagonisti della vicenda.

A questo punto, ci si augura che nuove operazioni possano scoprire ancora più casi, quantomeno di falsi disoccupati con in tasca centinaia di migliaia di euro, che tra l’altro percepiscono anche sussidi statali. Una bella storia, per fortuna, scoperta in tempo.