La zona rossa c’è, la maxi rissa pure: botte da orbi in Campania (VIDEO)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:21

Una rissa scoppiata per caso, senza un apparente valido motivo. Che poi quale motivo sarebbe valido? Chissà.

Una rissa scoppiata da niente, ieri sera ad Ercolano, in provincia di Napoli. Lo scontro tra decine e decine di ragazze e ragazzi, è avvenuto nella centralissima Piazza Trieste e Trento. Pugni, calci, schiaffi, lanci di oggetti e bottiglie, il finimondo insomma, attimi di panico in piena zona rossa, in pieno lockdown nazionale, tutto possibile, tutto concesso. Retrizioni e controlli per sedersi a tavola ma in strada c’è la giungla e va bene cosi.

Le immagini riprese dai residenti in zona, chiaramente colpiti dalle urla e dalla confuzione che la rissa hanno generato. Gli stessi residenti attraverso i canali social hanno manifestato tutto il loro dissenso verso una scena assolutamente credibile, per la quale nessun esponente delle forze dell’ordine è intervenuto. Parliamo di un comune non grandissimo, dove la sicurezza ed il controllo dovrebbero essere agevolmente garantite, ed invece, si assiste a scene del genere.

LEGGI ANCHE >>> Ancora una maxirissa tra ragazzi in città: Violenza inspiegabile in strada

LEGGI ANCHE >>> Le botte a Venezia: la follia delle maxi-risse arriva a Rialto

La zona rossa c’è la maxi rissa pure: i casi di Roma e Venezia

Nelle ultime settimane, scene molto simile a quelle viste ieri ad Ercolano si sono verificate in zona Villa Borghese, in due diverse occasioni. Ragazzi che ad un certo punto del giorno si davano appuntamento in un punto preciso per sfidarsi e picchiarsi senza alcuna regola, senza alcun freno. Il tutto violando, chiaramente, le restrizioni imposte dal Governo, ed anche una certa dose di buonsenso, perchè il senso della cosa, realmente non si comprende.

Altro caso, stesso copione a Venezia, zona Rialto. Un gruppo di giovani ragazzi, si danno appuntamento e si pestano, l’uno con l’altro. Non si sa perchè, non si sa per quale reale motivo, proprio come ieri, ad Ercolano.