Conte, Premier a “Porta a Porta” per dire tutto ciò che gli italiani vogliono sapere

Intervento nel programma “Porta a porta” da parte del Premier Giuseppe Conte su tutti i temi più discussi degli ultimi giorni.

L’intervento del Premier Conte a “Porta a porta” valuta attentamente tutte le tematiche che al momento gli italiani vogliono conoscere di più. A partire dal vaccino, ma anche riguardo una possibile terza ondata. Si parla anche del periodo di Natale e delle misure messe in atto:

“Se gli esperti ci dicono che la probabilità di una terza ondata a gennaio è concreta, non ci penso due volte a introdurre e rafforzare la rete di protezione per il periodo natalizio. Lasciando correre impatteremo su una impennata della pandemia”.

Con un’occhio al periodo post natalizio: “se non arriva una variante o una terza ondata probabilmente ci muoveremo tra zona gialla e arancione”.

LEGGI ANCHE >>> Pfizer è in arrivo! Tir dell’azienda diretti verso territorio italiano

LEGGI ANCHE >>> Countdown per il V-Day: il giorno dell’inizio delle vaccinazioni si avvicina

Conte, Premier a “Porta a Porta” per dire tutto ciò che gli italiani vogliono sapere e vogliono conoscere

Parlando della decisione obbligatoria per effettuare il vaccino: “non c’è ragione di credere che le persone non vi si sottopongano volontariamente”.

Stessa tematica rispetto ai medici ed al personale sanitario: “c’è dibattito tra noi”, ha confidato il presidente del Consiglio. “Ma aspettiamo, vediamo, sono tutte persone responsabili, sanno che di fronte a una pandemia garantire i pazienti è una priorità per tutti”.

Ed il Premier si sofferma anche sulle difficoltà legate alla gestione della pandemia:

“ci sono stati momenti molto difficili soprattutto all’inizio”, le “prime decisioni, le zone rosse, il lockdown” e “quando abbiamo cominciato a vedere i decessi per me è stato un momento particolarmente sofferto”.

Per quanto riguarda poi la tematica della crisi di Governo che tiene banco:

“Non dico che aria di crisi non c’è stata, ma non è nelle mie mani. Si va avanti solo se c’è una fiducia non astratta di ciascuna forza che sostiene la maggioranza. Io l’ho dimostrato, lavoro per l’interesse del Paese”. Se ci sarà necessità di un rimpasto, “sarà valutata insieme”