“Niente alcol e droga”: solo psicofarmaci per gli ultimi giorni di Diego

L’autopsia effettuata sul campione argentino, racconta di tracce di psicofarmaci, ma niente alcol o droghe negli ultimi giorni di vita.

Maradona
Maradona (Facebook)

Dopo settimane in cui si è stati costretti ad ascoltare praticamente ogni posizione in merito alla condizione fisica di Diego Armando Maradona, oggi è finalmente arrivato quello che i più ottimisti aspettavano da un bel po’. Quelli che non si erano ancora rassegnati al Diego drogato, Diego schiavo di qualsiasi sostanza stupefacente, Diego dipendente dall’alcol. Tutto ed anche più di tutto è stato detto negli ultimi giorni, oggi il responso dell’autopsia.

Niente alcol, niente droghe, Diego Armando Maradona, era si schiavo di qualcosa, ma soltanto degli psicofarmaci, di quell’aiuto necessario in alcuni casi a sopportare il peso dei giorni, della mente, di quell’aiuto che una condizione fisica, fortemente provata, come la sua, probabilmente necessitava. Niente droga, niente alcol, per tutti quelli che hanno parlato per farsi pubblicità, per esibirsi come iene fameliche, intorno al suo cadavere.

LEGGI ANCHE >>> Maradona, l’ultimo messaggio Whatsapp inviato prima di morire!

LEGGI ANCHE >>> Morte Maradona, è il turno dell’anonimo Facci: Ciccione, ladro, drogato

“Niente alcol e droga”: capire se quei farmaci abbiano potuto fargli del male

L’agenzia di stampa Telam, che ha diffuso la notizia, precisa che i farmaci rilevati nel corso dell’esame tossicologico sono: venlafaxina, quetiapina, levetiracetam e naltrexone. Inoltre, precisa l’agenzia, che alcuni di questi farmaci potrebbe indurre ad aritmie. A questo punto, la magistratura dovrà indagare sul nesso tra certi farmaci e la morte del campione argentino, comprendere dunque quanto possano aver influito sulla morte di Diego Maradona.

Qualche esperto non si spiega come mai gli siano stati prescritti determinati farmaci, nonostante i problemi cardiaci, e perchè nessuno dei farmaci prescritti poteva definirsi curativo rispetto le patologie cardiache del campione. Edema polmonare acuto legato ad una insufficienza cardiaca cronica riacutizzata e ad una cardiomiopatia dilatativa. Queste le cause ufficiali, della morte di Diego Armando Maradona.