Pescate, cena da “più di 6 congiunti”, multate trenta persone

La segnalazione dai residenti che hanno immediatamente avvisato le forze dell’ordine. In questi giorni scattate tantissime segnalazioni.

Sono sempre di più le infrazioni commesse per l’invito di persone non congiunte nelle abitazioni private.

L’ultima di queste infrazioni è avvenuta Pescate, provincia di Milano, dove i residenti di alcune abitazioni hanno chiamato le forze di polizia per una festa organizzata nel quartiere. Erano 30 le persone invitate e scoperte dalle forze dell’ordine, le quali hanno immediatamente provveduto ad effettuare circa 12 mila euro totali di multa.

Purtroppo però questo non è un caso isolato, ma uno dei tanti accaduti in questi giorni di restrizione pre natalizia, dove la zona rossa e il coprifuoco fanno sempre più parte del quotidiano.

Pescate, cena da “più di 6 congiunti”, multate trenta persone: non è un caso isolato

Un episodio simile era successo in questi giorni a Lecca, dove un circolo sportivo ha organizzato un party privato non autorizzato con ancora circa 30 persone. I residenti si sono insospettiti vedendo moltissime macchine parcheggiate sulla strada provinciale ed hanno allertato le forze dell’ordine, i quali sono intervenuti trovando tutti gli invitati sul posto, identificandoli uno ad uno e multandoli.

Altra infrazione a Meda, dove in un’enoteca del centro sono state trovate 18 persone, tutte che ignoravano le norme per il Covid. Cosi sono state tutte sanzionate insieme al direttore del locale e a due dipendenti

Anche sedici giovani a Legnano sono stati multati per aver infranto le norme anticovid. Questo era avvenuto nei primi giorni di dicembre, quando la figlia dei proprietari di casa, approfittando dell’assenza dei genitori, aveva organizzato una festa abusiva con gli amici, ma tutto è stato fermato dall’intervento delle forze dell’ordine. Al party erano presenti anche due minorenni, il che rende il fatto ancora più grave.