“Nigeriani nullatenenti e spacciatori”… prendono il reddito di cittadinanza!

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:10

La maxiretata della Squadra mobile di Palermo ha svelato il giro illecito della banda di immigrati clandestini.

Roma, droga

Sono stati arrestati dalla Squadra mobile di Palermo i clandestini nigeriani coinvolti in un potente giro illecito di cocaina ed eroina.

Non si è fatto attendere il commento sulla vicenda da parte del leader della Lega Matteo Salvini:

”Nigeriani nullatenenti, con il reddito di cittadinanza e mega spacciatori: sono stati scoperti dalla Squadra Mobile di Palermo che ha effettuato tredici arresti, smantellando una banda che faceva affari d’oro con cocaina ed eroina. Grazie alla polizia e alla magistratura: i cittadini perbene non meritano un governo che cancella i decreti Sicurezza, apre i porti, mantiene i delinquenti e tarda i ristori per imprese e famiglie”.“

LEGGI ANCHE >>> Produzione, detenzione e spaccio di droga. Sospesi quattro poliziotti

LEGGI ANCHE >>> Intera caserma sequestrata: arrestati Carabinieri per spaccio e torture

“Nigeriani nulla tenenti e spacciatori”… prendono il reddito di cittadinanza!

Al vertice della banda, per gli inquirenti, c’erano due nigeriani con precedenti specifici in materia di stupefacenti, regolarmente presenti sul territorio nazionale tanto da beneficiare anche del reddito di cittadinanza. Ad aiutarli c’erano altri cinque connazionali e un italiano.

La banda secondo gli inquirenti, oltretutto, percepiva anche il famoso reddito di cittadinanza.

Si tratta della misura di politica attiva del lavoro e di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale. Si tratta di un sostegno economico ad integrazione dei redditi familiari.

Il Reddito di cittadinanza è associato ad un percorso di reinserimento lavorativo e sociale, di cui i beneficiari sono protagonisti sottoscrivendo un Patto per il lavoro o un Patto per l’inclusione sociale.

La notizia provocherà sicuramente un certo imbarazzo tra le fila del Movimento 5 Stelle, a partire da Luigi Di Maio e Stefano Patuanelli. Vale a dire, gli ultimi due ministri di Welfare e Sviluppo economico grandi sostenitori del reddito grillino.