Vaccino, cattive notizie in USA per una reazione al siero Pfizer-Biotech

Brutte nuove dagli Stati Uniti per una reazione imprevista del vaccino Pfizer-Biotech che ha portato effetti indesiderati.

Pfizer

 

Purtroppo non positive le notizie che arrivano dagli USA: il vaccino Pfizer-Biotech ha portato una grave reazione allergica ad un’operatrice sanitaria, che è stata ricoverata d’urgenza in terapia intensiva.

La notizia è stata data dal “New York Times” direttamente appresa dal Barlett Regional Hospital di Juneau, l’ospedale dove la donna lavora e dove ha ricevuto la vaccinazione.

La stessa reazione si era verificata anche su due casi in Gran Bretagna, tanto che la Food and Drug Administration (FDA) aveva lanciato l’appello preventivo di non vaccinazione per le persone che soffrissero di allergie croniche.

Vaccino, cattive notizie in USA per una reazione al siero Pfizer-Biotech e successivo ricovero

La donna ha sviluppato con la reazione allergica rush cutanei, tachicardia ed una forte crisi respiratoria che inizialmente ha costretto i medici a soluzioni di assestamento, somministrandole steroidi e successivamente, dato che la situazione non migliorava, al ricovero in terapia intensiva.

La donna sembra sia ora in condizioni stabili e dopotutto resta entusiasta del vaccino, anche se la preoccupazione per le reazioni inattese del vaccino resta alta.

Pfizer riferisce in difesa su quanto accaduto che il vaccino viene fornito con il chiaro avvertimento che si tratti di un trattamento medico e una supervisione appropriata dovrebbero essere sempre prontamente disponibili in caso di anafilassi.

Solo pochi giorni fa gli Stati Uniti festeggiavano la somministrazione del primo vaccino Pfizer all’infermiera afroamericana di New York, del reparto di terapia intensiva del Long Island Jewish Medical Center nel Queens, la quale aveva ricevuto il vaccino direttamente in diretta nazionale, nell’ambito della campagna governativa tesa a promuovere la “fiducia nei vaccini” tra i cittadini statunitensi.