Coronavirus, l’attacco di De Luca: “Governo scellerato sul Veneto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:34

Consueta conferenza stampa del venerdi per il governatore campano Vincenzo De Luca, che ne ha ovviamente per tutti.

Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca (Facebook)

Vincenzo De Luca nell’ormai consueto appuntamento del venerdi pomeriggio fa il punto della situazione in Campania e nel paese. Parla dei risultati ottenuti nella sua regione, e di quanto oggi si possa ritenere la Campania stessa fuori da ogni rischio per ciò che riguarda la seconda ondata. Una situazione che vede invece altre regioni soffrire pesantemente, come il Veneto, che da sempre è in zona gialla inspiegabilmente, dichiara De Luca.

Veneto spesso citato da De Luca anche in passato perchè stranamente il Veneto, non ha mai sfiorato zone definite per elevate criticità dell’emergenza. Cosa assurda secondo il governatore, perchè oggi il Veneto ha il triplo delle terapie intensive rispetto alla Campania, con praticamente lo stesso numero di abitanti. Questo, sempre secondo l’ex sindaco di Salerno, per colpa della scellerata politica del Governo, e delle sue zone colorate.

LEGGI ANCHE >>> De Luca chiede decisioni forti:Di questo passo riapriremo porte dei cimiteri

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, De Luca ne ha per tutti: Natale e Capodanno non esistono

Coronavirus, l’attacco di De Luca: “Campagna di sciacallaggio mediatica terminata”

Il governatore campano si sofferma anche sulla fine della campagna di sciacallaggio mediatico, quella che ha spesso citato nelle precedenti conferenze stampa, che oggi è ormai terminata perchè non c’è altro da dire guardando i dati, e notando la differenza di gestione della sua regione rispetto ad altre, tornando anche sullo stesso caso Veneto. Chiaramente un accenno alla poca decisione del Governo nell’applicare determinate restrizioni.

Un atteggiamento che, secondo De Luca, genererà decisioni a metà, che alla fine saranno dannose per tutto il paese. Sulla scuola, come sempre cauto, chiede di aspettare che la situazione sia più chiara, prima di decidere, non come fa il Governo, sottolinea, che prima decide, poi vede che non si può riaprire e poi rimanda.