Coronavirus, l’allarme dell’Oms: “Proteggersi anche in famiglia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:06

L’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia l’utilizzo della mascherina anche in famiglia con i propri cari.

Famiglai
Famiglia

Il Natale è ormai alle porte, e come consuetudine, l’incontro con amici e parenti, almeno in teoria, dovrebbe essere assicurato. Se si guarda alle imminente decisione del Governo, in base alla quale ci potrebbero essere delle forti limitazioni ad incontri e quant’altro in vista delle prossime festività, certo il discorso cambia. Ma secondo l’Oms è sempre comunque opportuno mostrarsi quanto più premurosi possibile anche in famiglia, con i propri cari. Possibilmente utilizzando la mascherina, anche e soprattutto nei luoghi chiusi.

“Le persone più vulnerabili e gli amici o i parenti più anziani possono trovare molto difficile chiedere ai propri cari di rispettare il distanziamento, indipendentemente dalle ansie o dalle preoccupazioni che possono avere”. Questo in sintesi uno dei pareri fondamentali dell’Oms, che proprio per questo invita ad armarsi di prevenzione e munirsi sempre ed in ogni caso di mascherina, anche se ci si trova in casa, per far si che il livello di protezione sia massimo.

LEGGI ANCHE >>> Italia, ascolta bene l’Oms: avete già sbagliato in estate, terza ondata nel 2021

LEGGI ANCHE >>> Oms allarme Covid: Mutato, lo trasmettono i visoni, pronti ad ucciderne 15 milioni

Coronavirus, l’allarme dell’Oms: “Tutti siano al sicuro”

Tra le indicazioni dell’Oms, quella di contribuire all’areazione dei locali chiusi anche aprendo le finestre ogni ora, per far si che il ricambio d’aria garantisca una migliore vivibilità dell’ambiente in via precauzionale. Una indicazione che di certo può essere utile qualora siano presenti in famiglia soggetti più deboli, che necessitano di maggiori attenzioni da parte di tutti.

La situazione è al momento delicata, in questa fase si svalutano le condizioni migliori per impedire l’ulteriore diffusione selvaggia del virus. Una serie di accorgimenti che potrebbero di certo condizionare le festività natalizie, per come siamo abituati a viverle, ma che di certo, contribuiranno a rendere ancora più sicuro il paese.