Via libera in America al vaccino Pfizer-BioNTech: entro 24 ore prime dosi

Già nelle successive ventiquattro ore il Presidente Donald Trump ha intenzione di sperimentare l’efficacia del vaccino anti-coronavirus.

La  Food and Drug Administration americana ha dato il via libera definitivo per le prime somministrazioni del vaccino Pfizer-BioNTech, con un numero che supera già milioni di dosi, circa 2,9 milioni.

Il via libera è stato comunicato dopo una giornata carica di tensione: dalla Casabianca era arrivato un ultimatum del prossimo licenziamento del numero uno dell’agenzia federale, Stephen Hahn, in caso il vaccino non fosse stato approvato entro venerdì.

Le prime somministrazioni verranno effettuate sul personale sanitario in prima linea e sugli anziani delle case di riposo. La vaccinazione sarà gratuita.

“Autorizzo l’uso di emergenza del vaccino Pfizer-BioNTech per la prevenzione del COVID-19”. Questa la dichiarazione del  capo degli esperti della Fda, Denise Hinton.

LEGGI ANCHE >>> Dio salvi la Regina!  ed anche Margaret, primo vaccino in Gb

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Pregliasco sulle reazioni allergiche post vaccino: Tutto normale

Via libera in America al vaccino Pfizer-BioNTech, lo comunica Fda

Anche il Presidente Donald Trump è intervenuto sulla questione, comunicando in un video postato sul suo profilo Twitter: “Abbiamo già cominciato a spedire i vaccini in ogni Stato”.

La decisione di velocizzare la distribuzione del vaccino è stata anche forzata dai dati sempre più crescenti dei contagi. Ieri nuovo record: sono stati 231.775 i casi confermati, stando ai dati della Johns Hopkins University e al Covid Tracking Project (CTP), riferisce la Cnn.

L’aumento vertiginoso è arrivato anche per i ricoveri e per i molti decessi lergati al coronavirus, 3.309, picco dall’inizio della pandemia.

Gli Stati Uniti sono il sesto Paese ad approvare il vaccino Pfizer-BioNTech dopo Gran Bretagna, Bahrein, Canada, Arabia Saudita e Messico.

In Italia le prime dosi di vaccino verranno probabilmente distribuite a Gennaio, ma non si hanno ancora dati certi riguardanti l’inizio dell’utilizzo delle vaccinazioni.