Trump non molla! Ennesima richiesta per rovesciamento elettorale

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Non si arrende ancora l’uscende Presidente americano Donald Trump: ancora una richiesta ad importante organo su rovesci dell’esito dei voti.

Ennesima richiesta del Presidente uscente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, riguardo un rovesciamento degli esiti delle votazioni avvenute a partire dal 3 Novembre.

Questa volta l’appello di Trump arriva addirittura alla Corte Suprema,con una richiesta diretta e senza mezzi termini.

“La Corte suprema rovesci l’esito del voto!”, questa la richiesta del capo del partito Repubblicano.

Trump ha effettuato la richiesta direttamente su Twitter: “La Corte Suprema dovrebbe seguire la Costituzione e fare quello che tutti sanno deve essere fatto. Devono mostrare coraggio e saggezza. Salvate gli Usa!”.

LEGGI ANCHE >>> Per Donald Trump è una semplice influenza: Ma Giuliani è finito in ospedale

LEGGI ANCHE >>> Usa 2020, Trump e lo strano caso della sconfitta non riconosciuta

Trump non molla! Ennesima richiesta per rovesciamento elettorale, si rivolge alla Corte Suprema

Ormai da svariate settimane continuano le accuse di brogli elettorali da parte di Trump verso il candidato democratico Joe Biden che è divenuto ufficialmente il nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America, precisamente il numero 46 della storia americana.

Inoltre Biden, all’apice dei suoi 77 anni, sarà il Presidente americano più anziano della storia. Aveva 253 grandi elettori sicuri, con quattro stati in bilico in cui era in vantaggio. E’ arrivato a 284 grandi elettori secondo l’Ap, che è stata la prima a riconoscere la vittoria democratica in Arizona (11 voti) e poi in Pennsylvania (20 voti)

Trump, che spesso esprime il suo scontento tramite tweet, aveva già dichiarato successivamente alla conclusione delle elezioni: “Ho vinto queste elezioni, e di molto”.

Molte le teorie di cospirazione da parte di Trump, in particolare su brogli elettorali in alcuni stati dove i voti sono stati in bilico fino all’ultimo o dove sono arrivati moltissimi voti telematici.

Eppure come previsto, il 20 Gennaio arriverà il giorno dell’ “Inauguration Day” di Joe Biden ed il suo insediamento ufficiale alla Casabianca.