Coronavirus, Galli sul Natale: “Prendere tutte le precauzioni possibili”

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Massimo Galli è tornato a parlare della situazione che al momento caratterizza la situazione generale nel nostro paese.

Massimo Galli
Massimo Galli (Facebook)

Massimo Galli, responsabile del reparto di malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, è tornato a parlare della situazione emergenza nel nostro paese, in vista delle festività natalizie, in cui, come si è detto non ci saranno particolari strappi alle regole rispetto alle misure già prese nelle scorse settimane attraverso l’ultimo dpcm ed i singoli provvedimenti regionali, attraverso delle zone d’emergenza.

Galli, sottolinea la necessità per ogni singolo cittadino di attivarsi per fare in modo che tutte le precauzioni del caso siano seguite alla regola, anche e soprattutto nel corso delle prossime festività natalizie. In questa fase, si sa, si corre il rischio di incontrare più persone, di stare in casa con parenti ed amici, ed il rischio che tutto possa trascendere in una nuova forte epidemia è troppo alto al momento.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Massimo Galli: Il lockdown ci sarà, e niente cenoni

Coronavirus, Galli sul Natale: “Non più di sei persone a tavola”

La regola per la tavola, cosi come conferma lo stesso Galli, deve prevedere a massimo sei persone tutte insieme. Una prerogativa che dovrà essere rispettate per non rischiare di gettare tutto il lavoro fatto fino a questo momento. Lavoro che ha tutelato e garantito la salute di tutti i cittadini italiani, attraverso rigide misure, che però richiedono coscienziosi atteggiamenti.

Massimo Galli, da sempre fautore di misure drastiche, si schiera insomma dalla parte del buonsenso. Speranzoso, che gli italiani possano comportarsi nel migliore dei modi per scongiurare una nuova e pericolosissima eventuale emergenza.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Massimo Galli cauto: Non possiamo escludere danni vaccino