Morte Maradona, niente raccoglimento per lei : “Pedofilo violentatore”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:28

La vicenda vede protagonista una calciatrice spagnola che si rifiuta di rispettare il minuto di silenzio per la morte del campione argentino.

Calciatrice spagnola
Calciatrice spagnola protesta (Facebook)

La morte di Diego Armando Maradona, in alcuni casi, purtroppo ha concesso visibilità a personaggi che probabilmente nemmeno meritavano di esprimersi, in certi casi. In linea di massima però, chi ha contestato tanta gratitudine e tanto riconoscimento nei confronti del campione argentino, lo ha fatto, finora basandosi su fatti di cronaca, vicende concrete nelle quali Maradona è stato coinvolto.

Ma in questo caso si è raggiunto davvero il limite forse della decenza, e del mancato rispetto di un uomo, che in ogni caso non potrà mai difendersi da determinate accuse. Protagonista della vicenda è Paula Dapena, calciatrice del Viajes Interraias, che prima delle gara amichevole con il Deportivo La Coruna, ad Abegongo, nel corso del minuto di raccoglimento in onore di Diego Maradona, si è seduta sul terreno di gioco, dando le spalle alle tribune.

LEGGI ANCHE >>> Morte Maradona, il solito Mughini: Non facciamolo santo (VIDEO)

Morte Maradona, niente raccoglimento : I complimenti dell’allenatore avversario

“Mi sono rifiutata di fare un minuto di silenzio per uno stupratore, un pedofilo e un molestatore. Per questo ho pensato di sedermi a terra e voltare le spalle: così ho fatto”. Cosi ha giustificato il suo gesto la ragazza, aggrappandosi ad accuse ben precise, che in ogni caso non hanno mai toccato personalmente la figura del campione argentino.

Una presa di posizione molto forte insomma, basata praticamente sul niente, che ha addirittura ricevuto i complimenti da parte dell’allenatore avversario. Rendere omaggio alle donne vittime di violenza, non rendendo omaggio a Diego Maradona, la personalissima, improbabile, violenta protesta di una calciatrice.

LEGGI ANCHE >>> Morte Maradona, svolta clamorosa: omicidio colposo, c’è un indagato