Morte Maradona, il solito Mughini: “Non facciamolo santo” (VIDEO)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:54

Giampiero Mughini si esibisce nel solito numero del nessuno buono tranne lui, a conti fatti siamo su qualcosa del genere.

Mughini
Giampiero Mughini (Facebook)

Nella giorno in cui Diego Armando Maradona, ha lasciato questa terra, magari per correre e calciare altrove e guardare da qualche altro punto, le miserie di questo mondo, Giampiero Mughini si esprime nel suo classico lessico abbondante, a tratti inutile, per chiedere che non sia beatificata la sua persona, che non si parli di lui come un santo, che no lo si ponga come esempio da seguire. La cosa meravigliosa è che nello studio tv, dove andava in onda la trasmissione con Mughini ospite, nessuno ha apostrofato in quel modo Maradona.

Ma quindi perchè quelle parole, perchè quel nulla, mascherato da cosa sensata? Perchè Mughini sente il bisogno, nel giorno della morte di Diego Maradona, di chiedere che non venga beatificata la sua persona, che non si parli di lui come un esempio da seguire? Chi ha avanzato tali pretese? E soprattutto, quale rispetto ha Mughini, dell’uomo, appena morto, quando apostrofa i suoi ultimi giorni, come raccapriccianti, considerate le sue condizioni.

LEGGI ANCHE >>> Dio è morto ai piedi del Vesuvio: Napoli piange Diego Armando Maradona

Morte Maradona, il solito Mughini: Ma tutto sommato, Mughini, chi è?

La domanda viene naturale, perchè uno accende la tv e nel giorno in cui si celebra la vita di un calciatore appena deceduto, raccontandone i drammi e le vittorie, e de assistere allo show di un personaggio che, diciamoci la verità, da dove è saltato fuori? Certo Maradona non sarà stato un esempio da seguire per alcuni suoi eccessi nella vita, ma se gli avessimo detto: “Diego sai cosa ha detto Mughini?”, avrebbe risposto “Mughini? Chi è?”.

E già perchè tutto sommato una persona che va in tv a giudicare, dire, fare e disfare, di chiunque, con quale titolo non si sa, uno che ancora parla di Calciopoli come di un grande complotto, ma chi può essere? Al massimo juventino. Ecco quindi l’astio nei confronti di Diego Armando Maradona, forse conosce bene l’avversione del dieci partenopeo nei confronti della vecchia signora. Ecco spiegata la sua imparziale, equa, riflessione quindi.

LEGGI ANCHE >>> Morte Maradona, il paese lo accompagna per l’ultimo saluto (VIDEO)