Si taglia le vene ed invia la foto all’ex: i medici gli salvano la vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:40

Si taglia le vene con l’intento di spaventare la sua ex. L’uomo, in provincia di Caserta, è stato salvato in extremis dai sanitari.

Ambulanza (Fonte foto: Pixabay)

Voleva essere una vendetta che probabilmente avrebbe portato alla morte ed ai sensi di colpa della sua ex. Lei invece, dopo aver ricevuto le foto spaventose, ha allertato il 118, di fatto, salvandogli la vita.

Le foto che le aveva inviato l’ex, erano nientemeno che delle sue vene appena tagliate. Un gesto disperato, lui non ha mai accettato che l’amore tra i due fosse finito.

Leggi anche >>> Clinica psichiatrica ed elettroshock per mesi: ma la diagnosi era errata

Lei lo lascia, lui per ripicca si taglia le vene

Almeno lui ha fatto male a se stesso, ci sono certamente fidanzate che ricevono trattamenti peggiori. Negli Stati Uniti, una donna incinta è stata ritrovata nel freezer del fidanzato, senza vita. In Italia invece, a Teano, provincia di Caserta, l’uomo si è reso protagonista, ma è quasi finito per uccidere se stesso.

Si è tagliato le vene dei polsi e poi ha avuto le energie necessarie per inviare la foto tramite cellulare, alla sua ex. Per fortuna, la donna, dopo che quelle immagini a dir poco raccapriccianti si erano palesate alla sua vista, ha avuto la fermezza di chiamare il 118 ed allertare i sanitari per tempo. Un’ambulanza infatti è arrivata sul posto con un tempismo perfetto, qualche minuto di ritardo ed ora l’uomo sarebbe ormai senza vita.

Pare, secondo le prime ricostruzioni, che quello dell’uomo non fosse il primo comportamente sui generis. Intimidazioni, persecuzioni, comportamenti anomali ai danni della donna, sarebbero già stati messi in atto da quando i due si erano lasciati. C’era anche stato un primo momento in cui la donna aveva accettato di rifrequentare l’uomo, ma poi ha deciso che non era il caso. Secondo i militari intervenuti sul posto, questo voleva essere l’ultimo disperato gesto per riconquistarla.

Leggi anche >>> Giocava in casa, poi l’assurdo incidente: il piccolo di 2 anni non ce l’ha fatta