La sua immagine riflessa non gli piace: sfonda la vetrina del market

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:27

Succede a Ragusa, dove una capra notando il suo riflesso nella vetrina di un market, la prende a testate. Surreale.

Capra (Facebook)
Capra (Facebook)

Succede a Ragusa, in Sicilia, e la notizia ha dell’incredibile. In un primo momento, il titolare del market, protagonista della vicenda, aveva pensato ad un furto, al tentativo di qualche malintenzionato di sfondargli una vetrina o magari di forzare l’apertura di una porta. E invece no, dopo aver prontamente controllato, la quasi comica scoperta, una capra. Si proprio cosi, una capra, fuggita via da qualche garage della zona, che provava ad irrompere nel suo negozio.

La capra in realtà, molto probabilmente dopo aver visto la sua immagine riflessa nella stessa vetrina ha iniziato ad infastidirsi, e pensando di colpire, in realtà, se stessa, ha più volte forzato la vetrina, di fatto danneggiandola, con profondo stupore del titolare, che a questo punto si è ritrovato con un danno alquanto ingente, di questi tempi alla sua attività commerciale, una scena, tutto sommato comica, ma dai risolvi abbastanza seri.

LEGGI ANCHE >>> Sgarbi scatenato sul bonus ai deputati: Fico ignorante e Di Maio capra

La capra sfonda una vetrina, ennesimo caso di animali in libertà

Ennesimo caso, quindi, di animali selvaggi, chiamiamoli cosi, anche se in alcuni casi parliamo di animali tutto sommato al limite del domestico, in alcune zone del paese. Animali che causano incidenti, animali che si trovano all’improvviso in strada e danneggiano come in questo caso una vetrina, animali che possono in qualche modo essere pericolosi per l’incolumità delle persone in parchi o comunque in zone all’aperto.

Di qualche tempo fa il grosso incidente dovuto alla presenza di cinghiali in strada, sempre in Sicilia, un altro incidente causato da una mucca, e poi la storia dei cinghiali a Roma, tristemente abbattuti, con la situazione risolta nel peggiore dei modi possibili.

LEGGI ANCHE >>> Cinghiali non solo vittime ma carnefici: Lucrezia muore a 21 anni