Coronavirus, Lombardia ancora sotto assedio, e Monza chiede l’esercito

I numeri della regione lombarda sono altissimi, simili a quelli dei periodi peggiori, cosa succederà adesso?

Ospedale Monza

I numeri in Lombardia, mettono davvero spavento. Realisticamente alti, pur considerando la popolazione della regione, di gran lunga superiore a quella delle altre d’Italia, e tanto vicini, a tratti simili, a quelli del periodo peggiore per questa tanto estesa porzione del paese. Numeri da capogiro, circa 8000 contagiati solo nella giornata di ieri, e circa 200 morti, numeri che fanno davvero paura, e rimandano alla mente immagini che sarebbe meglio non ricordare.

In regione circola la paura, ma paradossalmente nonostante la zona rossa, dichiarata già da qualche settimana, circola ancora tanta gente in strada. Sarà che la zona rossa attuale, diciamolo, non è proprio il massimo, troppe attività aperte, che in un modo o nell’altro spingono anche soltanto indirettamente il cittadino ad uscire di casa, sarà che ormai la gente è stanca della condizione d’assedio, d’emergenza, e quindi psicologicamente più predisposta a correre il rischio.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, in Lombardia è allarme carenze: i numeri sono preoccupanti

Coronavirus, Lombardia ancora sotto assedio, Varese e Monza preoccupano

L’incubo concreto, di ciò che ha già visto la Lombardia, lo stanno vivendo, ancora una volta i piccoli centri abitati. Come fu per Bergamo, o per realtà ancora più piccole, oggi è per Varese, dove ormai da settimane l’amministrazione comunale monitora con il fiato sospeso gli eventi che stanno portando al collasso delle strutture ospedaliere presenti sul territorio. Altra realtà sotto osservazione è Monza, dove è stato addirittura chiesto l’aiuto dell’esercito per favorire la gestione dei casi, che ha di fatto mandato in tilt l’ospedale locale.

Il virus torna a scuotere le fondamenta della regione insomma, mentre si attende il Natale, e qualcuno starebbe anche pensando di alleggerire le misure restrittive. Ciò che succederà dipenderà probabilmente dalle prossime settimane, di certo misure più stringenti, al momento, non sembrano realisticamente considerate.

LEGGI ANCHE >>> Lombardia e Campania le regioni più colpite dal virus: ormai fuori controllo