Coronavirus, il premier Conte: “E’ il momento di fare squadra”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:51

Giuseppe Conte interviene ancora una volta sull’emergenza nazionale e chiede al paese l’ennesimo sforzo di coesione.

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo all’assemblea annuale della Fipe è tornato a parlare della situazione d’emergenza che in questi mesi vede l’Italia affrontare la seconda ondata di Covid19, dopo la tragica esperienza di marzo. Conte, consapevole del grave disagio economico e sociale, chiede al paese ancora una volta uno sforzo, chiede si seguire le regole e non rischiare di far diventare tutto ancora più pericoloso e drammatico.

Conte chiede di fare squadra, chiede al paese di resistere ancora una volta al virus, alle condizioni di disagio, alle privazioni delle ultime stringenti misure. Chiese al paese di non lasciarsi andare ad atteggiamenti dannosi e pericolosi non solo per se stessi ma anche e soprattutto per gli altri, in un momento in cui il virus colpisce tutti i paesi del mondo e semina morte e disagio senza alcuna distinzione, il momento è delicato ed è giusto saperlo.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Conte: Forse per Natale, niente coprifuoco

L’appello del Presidente Conte: “Il Governo deve fare di più”

L’appello del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, riguarda anche il Governo da lui presieduto, che in questa fase di profondo disagio economico, sociale e psicologico deve impegnarsi al meglio per trovare soluzioni che possano consentire l’uscita del paese da questa tremenda situazione. I medici, già sottoposti ad enorme sacrificio anche per il solo fatto di dover scegliere tra i pazienti chi vive e chi muore, devono essere sempre sostenuti, dichiara Conte.

Una fase delicata, nella quale forse immaginavamo di non dover capitare. Un momento di profonda emergenza, in cui, come riferito dallo stesso Conte, bisogna mettere tutto da parte e concentrarsi sul fine comune, cioè l’uscita da questa tremenda situazione.

LEGGI ANCHE >>> Vincenzo De Luca in allarme: le bordate contro il Governo Conte e De Magistris