J-Ax, oggi è un rapper di successo, eccolo prima di diventare famoso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:09

J-Ax oggi ha tanto successo, oggi è anche uno dei giudici di All together now ma vi ricordate il suo aspetto prima di diventare famoso? Scopriamolo insieme.

J-Ax
J-Ax è nato a Milano il 5 agosto del 1972, figlio di un tipografo e di una cassiera.

E’ uno dei rapper italiani più famosi e da diversi anni è anche uno dei protagonisti di All together now che torna in onda ogni mercoledì su Canale Cinque con Michelle Hunziker di cui in questa stagione è uno dei giudici.

Negli anni ha collezionato tantissimi successi discografici e la sua collaborazione con Fedez gli ha fatto girare l’Italia e non solo con grande riscontro non solo dal pubblico ma anche dall’opinione pubblica.

Quello che però forse non tutti sanno è la vita del cantante prima di diventare famoso e anche il suo aspetto molto diverso da quello che è oggi. Scopriamo insieme il cambiamento del rapper negli anni.

LEGGI ANCHE>>> J-Ax, gli Articolo 31 perchè si sono separati?

J-Ax, oggi rapper e giudice di Canale Cinque: eccolo prima di essere famoso

foto web

J-Ax domani sera sarà come sempre seduto sulla sua poltrona da giudice a All together now in onda su Canale Cinque con Michelle Hunziker, per lei si tratta dell’edizione numero tre.

Quello che però in molti non sanno sono gli inizi del rapper italiano e cosa faceva prima di diventare famoso e di raccogliere i consensi che lo hanno fatto diventare quello che è oggi.

Alessandro Aleotti è questo il suo vero nome e del suo passato ha sempre detto: “sono sempre stato un pesce fuor d’acqua. A scuola ero quello bullizzato, perchè mi piacevano i computer e i fumetti, non il calcio o lo scooter. Sono un loser e tutte le mie esperienze mi hanno portato fino a quì”.

Insomma davvero un bel cambiamento per il giovane che oggi ha quarantetrè anni e che da qualche anno ha messo la testa a posto riuscendo a costruirsi una bella famiglia con la sua compagna e il figlio.

LEGGI ANCHE>>> J-Ax: “Ho capito che le cose finiscono”