Luca Zaia ha la soluzione per il Veneto: test fai da te a bassissimo costo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:38

Ad annunciarlo è lo stesso Governatore, Luca Zaia, al Veneto consentiti i test fai da te contro il Covid. In arrivo almeno 5000 pezzi.

Soluzioni Covid, l'idea di Luca Zaia: test fai da te per il Veneto
Test per il Covid (Fonte foto: web)

Un’idea del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia potrebbe essere presa a modello dall’intero Paese. Il Veneto infatti, darà vita ad una semplificazione della battaglia al Coronavirus.

Sarebbero dei test fai da te, di qui a breve a semplificare la prevenzione per il Covid, ai cittadini della Regione nord-italiana. In arrivo, le prime 5.000 unità.

Leggi anche >>> Coronavirus, in Italia la zona rossa si allarga: ecco chi entra

Covid: saranno i cittadini a realizzare i test

A partire da oggi, lunedì 16 novembre 2020, il Veneto inizierà il proprio percorso al tracciamento anti-Coronavirus. Sono arrivati i primi 5.000 test, l’idea è dello stesso governatore della Regione, Luca Zaia. Mentre il presitente del Veneto prova ad aiutare il Governo con il proprio intervento, quello della Campania, Vincenzo De Luca, continua ad attaccarlo.

L’obiettivo è quello di poter realizzare un veloce screening di massa per tutta la Regione, senza continuare ad oberare di lavoro le Asl con le migliaia di tamponi da realizzare all’ordine giornaliero. Migliaia, numeri impressionanti, che spesso ha fatto anche incappare i medici in errori e trarre in errore chi si occupava del sistema di tracciamento. Zaia, ha parlato degli inizi della sua idea, non senza una vena polemica: “Quando ne avevamo parlato le prime volte, ci davano degli sprovveduti“.

Ora invece, ad appoggiare l’idea, anche il direttore aggiunto dell’Oms, Ranieri Guerra che ha spiegato l’utilizzo del test fai da te, simile a quello comunemente usato per la gravidanza. Il resto dell’Italia, dovrà invece aspettare un po’ per ricevere i test. Il Veneto si era mosso in tal senso invece già ad ottobre e le unità erano già state recapitate dall’estero e sperimentate a Treviso.

Leggi anche >>> Coronavirus, il ministro Speranza: “Troppo presto per parlare di Natale”