Napoli: “Ecco cosa è successo davvero al Cardarelli”, la versione di De Luca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:02

Il presidente della regione Campana ha fornito una versione dei fatti avvenuti al Cardarelli qualche giorno fa.

De Luca
De Luca (Facebook)

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha raccontato attraverso un post Facebook la vicenda dell’uomo trovato morto nel bagno del pronto soccorso dell’Ospedale Cardarelli di Napoli. L’uomo, 84enne, era arrivato al pronto soccorso con un quadro clinico abbastanza complesso, caratterizzato dalla presenza di numerose patologie pregresse, ed in attesa di completare la valutazione del suo caso era tenuto sotto osservazione al pronto soccorso.

Allontanatosi per andare in bagno, dopo qualche minuto ha subito richiamato l’attenzione degli operatori sanitari, preoccupati dal fatto che non avesse ancora fatto ritorno. Poi la tragica scoperta. In quel momento gli stessi operatori si sono allontanati per prendere una lettiga, e proprio in quel frangente un altra persona, arrivata al pronto soccorso sempre per cause legate al Covid19, avrebbe filmato l’uomo in terra ormai deceduto.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, ancora De Luca all’attacco: lettera al Prefetto di Napoli

Napoli: “Ecco cosa è successo davvero al Cardarelli”, la richiesta di denuncia

A questo punto il video, come tutti hanno potuto constatare, ha iniziato a fare il giro del web, pubblicato da numerosissime testate giornalistiche, ingolosite dalla possibilità di far fruttare la macabra vicenda. De Luca, poi, avrebbe di fatto chiesto ai dirigenti dell’Ospedale Cardarelli di denunciare la persona responsabile della ripresa video, in quanto responsabile di un gesto privo di ogni umana logica. L’uomo nel frattempo ha anche spiegato in tv le proprie ragioni, quasi giustificando la sua azione.

Il resto è di fatto cronaca odierna, le accuse di sciacallaggio nei confronti dei media, lanciate dal presidente campano De Luca, e la pronta risposta del Governo ad abbassare i toni perchè proprio l’esecutivo è di fatto vicino alla regione in quanto a prevenzione e gestione dell’emergenza.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, le parole di Crisanti: Siamo in ritardo, De Luca ha ragione