Coronavirus, parla il viceministro Sileri: “Niente lockdown”

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il viceministro alla salute rassicura, se cosi si può dire circa eventuali provvedimenti su scala nazionale.

Pierpaolo Sileri, quel conflitto di interessi a Roma: l'indagine delle Iene
Pierpaolo Sileri (Fonte foto: web)

Il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, intervenuto a Radio1 ha spiegato che al momento non c’è intenzione nel Governo di passare ad un provvedimento di chiusura totale a livello nazionale. Al momento secondo Sileri non sussiste la necessità di tale provvedimento e si va avanti cosi come si sta facendo, con le zone d’emergenza in cui si è diviso il paese, ed in cui si stabilisce in base al grado di criticità della situazione le regioni che possono entrare o uscire da una determinata fascia.

L’intervento di Sileri è in linea con quanto emerso in serata dal vertice di maggioranza tenuto da Conte insieme ai capidelegazione dei vari partiti di Governo. La situazione al momento si gestisce localmente, provvedendo ad instaurare un determinato regime restrittivo in base a quello che al momento è il livello d’emergenza riscontrato in quel determinato territorio in base ai dati che abbiamo a disposizione volta per volta.

LEGGI ANCHE >>> Governo, vertice di maggioranza chiarificatore: Avanti fino alla fine

Coronavirus, parla il viceministro Sileri: “Natale ristretto”

Il viceministro Sileri, ha inoltre parlato di quelle che saranno le festività natalizie in tempo di restrizioni. Qualcosa di certamente mai vissuto, che ci vedranno affrontare momenti di grande incontro e raccoglimento in famiglia in una versione assolutamente rivista. Questo non vuol dire che non ci sarà il Natale, ma sarà qualcosa di mai vissuto prima d’ora che probabilmente ricorderemo per sempre.

Possibili altre restrizioni verranno inoltre valutate volta per volta, come detto, in base ai dati raccolti settimanalmente. Ad oggi il prossimo confronto avverrà il prossimo venerdi, da li si prenderanno eventuali decisioni, circa il collocamento delle regioni più a rischio in aree in cui sono più stringenti determinati provvedimenti.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Sileri a La7 : Chi ha sbagliato, via a calci in c*** (VIDEO)