Coronavirus, Sileri a La7 : “Chi ha sbagliato, via a calci in c***” (VIDEO)

Il viceministro della Salute Sileri ha risposto alle critiche dopo la divisione in zone d’emergenza del paese.

Pierpaolo Sileri, quel conflitto di interessi a Roma: l'indagine delle Iene
Pierpaolo Sileri (Fonte foto: web)

Nelle ultime settimane, per la verità hanno molto fatto discutere le fasce colorate in cui l’Italia è stata divisa, in base al grado d’emergenza presente in quel territorio. Livello d’emergenza scaturito da tutta una serie di fattori, incrociati tra loro, che hanno di fatto determinato una situazione generale, al quale l’esecutivo ha voluto assegnare una gravità in base alle singole realtà regionali. Da li, il caos più totale.

Il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, intervenendo nella trasmissione tv di La7, Non è l’arena, si è duramente scagliato contro chi ha definito la divisione delle zone d’emergenza in Italia come una vendetta politica. Sileri si è detto, di fatto, colpito da certe osservazioni e da certi commenti, che nemmeno dovrebbero avere logica di esistere perchè offendono il lavoro fatto dal Governo.

LEGGI ANCHE >>> Pierpaolo Sileri, quel conflitto di interessi a Roma: l’indagine delle Iene

Coronavirus, Sileri a La7 : “A me interessa niente dei partiti”

Pierpaolo Sileri, ha letteralmente perso la pazienze nei riguardi di commentatori e giornalisti che hanno parlato di un interesse preciso nello stabilire le varie zone d’emergenza in cui è stato suddiviso il paese. Ha precisato, inoltre, che a lui, dei partiti interessa niente, e che la sua collaborazione è ben lontana da logiche di segreteria, che non risponde ad imposizioni o a dinamiche che possono essere riferite ad una parte o all’altra.

Il viceministro Sileri, è di fatto un fiume in piena, contro i pensieri che certi osservatori hanno reso pubblici, rispetto al suo operato e contro la malafede che circola in certi ambienti. Ha poi ribadito che oggi si combatte una guerra, e che bisogna essere consapevoli dei rischi che si stanno correndo. Tutti insieme, al di la del colore politico, o della regione d’appartenenza. Tutti insieme.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Chiudete Napoli, Roma e Milano: l’allarme di Ricciardi