Funerali Stefano D’Orazio: in centinaia cantano le canzoni dei Pooh – VIDEO

I funerali si sono svolti in forma privata nel centro di Roma, ma i fan non hanno resistito. L’ultimo saluto a Stefano D’Orazio.

Funerali Stefano D'Orazio, centinaia di fan inondano Roma - VIDEO
Funerali Stefano D’Orazio (Fonte foto: web)

Momenti di commozione, per l’ultimo saluto al batterista dei Pooh. Stefano D’Orazio, è morto a causa del Covid a soli 72 anni di età. Oggi, a salutarlo, la sua città, Roma.

Stefano infatti era nato nella Capitale il 12 settembre 1948, a Monteverde, ed aveva imparato a suonare la batteria, giovanissimo. Nel 1971, iniziò ufficialmente a far parte del famosissimo gruppo musicale dei Pooh.

Leggi anche >>> Stefano d’Orazio, l’ultimo saluto: “quella notte nella città di Giulietta…”

Stefano D’Orazio, le commoventi immagini dell’arrivo della bara

Non hanno resistito, almeno una centinaia di fan dello storico gruppo, e del grande batterista, paroliere, cantante e regista. Eppure Roma sta provando a difendersi dalla pandemia, tenendo chiusi i centri commerciali, ma oggi più di qualcuno, ha dimenticato le richieste di non assembrarsi.

I fan del gruppo musicale, non sono restati in silenzio, anzi, hanno dato vita nelle strade di Roma, a commoventi ricordi, cantando proprio delle canzoni dei Pooh. D’Orazio, è scomparso venerdì scorso, oggi i funerali si stanno svolgendo nel centro della città, nella chiesa di Piazza del Popolo. La Chiesa degli Artisti, per l’ultimo saluto al batterista, che la famiglia avrebbe scelto di officiare in cerimonia privata, per le regole restrittive dovute al Covid.

Sarà intanto, vista l’indisponibilità del sindaco Raggi, un suo rappresentante a dare l’addio in nome della città, a D’Orazio. Centinaia, le persone che invece, all’esterno della chiesa, si sono radunate per salutare da lontano la bara, scortata da moto ed auto delle forze dell’ordine. Le commoventi immagini degli ultimi saluti per il batterista.

Fonte video: YouTube

Leggi anche >>> Barbara D’Urso lacrime e voce rotta in diretta: l’aneddoto di Stefano D’Orazio