Coronavirus, il premier Giuseppe Conte: “Situazione delicata, interverremo”

Anche Giuseppe Conte si è espresso in merito alla delicata situazione che in questa fase sta vivendo il nostro paese.

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha parlato a margine della festa de Il Foglio, della situazione che al momento vive il nostro paese, tra le incertezze per l’avanzata selvaggia del virus e la richiesta incessante di interventi da parte di quasi tutto l’ambiente medico scientifico. Il premier, ha seguito di fatto l’intervento del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che pure in mattinata si era espresso su quello che il Governo potrebbe fare nelle prossime ore.

Giuseppe Conte, ha sottolineato la criticità della situazione, criticità che impone all’esecutivo di decidere in maniera rapida e veloce la migliore modalità di intervento. Occorre insomma scegliere la strada da intraprendere, per il bene dei cittadini, per la loro sicurezza sanitaria e per non rischiare un collasso economico ancora più grave, qualora l’epidemia dovesse protrarsi per troppi mesi da qui in avanti.

LEGGI ANCHE >>> Conte giura: aiuti subito sui conti correnti: La data del primo accredito

Il premier Conte agli italiani: “Vaccino entro dicembre”

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha poi parlato dell’eventualità di avere il vaccino entro dicembre, eventualità non del tutto lontana. Questo consentirebbe di avere i primi effetti nel corso della prossima primavera. E’ apparso fiducioso sotto questo punto di vista Conte, mentre è chiara la tensione in vista di decisioni imminenti da prendere in merito ad eventuali chiusure generalizzate. Il punto al momento sembra essere tutto nella forma.

Nell’esecutivo c’è chi crede sia più opportuno chiudere tutto, e quindi emanare un provvedimento a livello nazionale, e chi invece è convinto che una chiusura localizzata, ristretta a città o regioni potrebbe in qualche modo portare ugualmente vantaggi nella lotta contro il virus. Vedremo quale parte avrà la meglio, a breve.

LEGGI ANCHE >>> Renzi: Dpcm inutili, senza di me oggi Conte lavorerebbe a scuola, non al Governo