Avevano chiesto di indossare la mascherina: aggrediti con mazze da trekking

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:33

Ha dell’incredibile, quanto accaduto a Como, dove i proprietari di un rifugio alpino, hanno subito un attacco da alcuni clienti.

Avevano chiesto di indossare la mascherina, aggredita una famiglia a Como
Fonte foto: (Pixabay)

L’altra faccia della medaglia, in un momento difficile per tutti, ma che non giustifica quanto accaduto nel comasco. Qui, solo prepotenza ed ignoranza, hanno portato dei clienti di una baita, ad arrivare alle mani contro i proprietari.

Avevano soltanto chiesto di indossare la mascherina, e così figlio e moglie del titolare di un rifugio alpino, sono stati attaccanti addirittura con delle mazze da trekking.

Leggi anche >>> Coronavirus, l’appello drammatico di una mamma: “mi sento morire”

Aggrediti, non era la prima volta che chiedevano di indossare la mascherina

Come logico che sia, per salvaguardare la loro salute e quella dei clienti, ma anche per non andare contro le leggi attualmente in atto, i proprietari del rifugio Alpe di Colonno, sui monti che sovrastano il Lago di Como, chiedono sempre di indossare la mascherina. Certo, ci sono modi e modi per farlo, un brutto esempio è l’episodio di Firenze, visibile in questo video.

Una prassi che ai più distratti può aiutare, mentre chi fa finta di averlo dimenticato, con un gesto di gentilezza di norma se la tira su. Non è stato così per una coppia di avventori violenti, a cui la richiesta non pareva interessare. Allora i gestori hanno ricordato loro di indossare il dispositivo di sicurezza, una, due, tre volte, ma come risultato hanno ricevuto un’aggressione. I due infatti, si sono scagliati contro i proprietari ed il figlio, con delle mazze da trekking, rischiando di inferire loro delle ferite anche mortali.

Soprattutto la donna ed il figlio, hanno ricevuto delle brutte ferite, avendo la peggio. Tramite la loro pagina Facebook, i proprietari del rifugio, hanno segnalato l’incidente: “Gentilmente chiunque veda o riconosca queste due persone contatti noi o i carabinieri di Castiglione. Stamattina siamo stati picchiati con lesioni da queste due persone per aver detto loro gentilmente di mettere la mascherina… grazie per la collaborazione”. Questo è quanto possiamo leggere, capendo quindi che per ora i due aggressori, non sono stati fermati.

Leggi anche >>> Dpcm, la sfida delle palestre: “noi restiamo aperti, con le buone o con le cattive”