Trova 3mila euro e li riporta al legittimo proprietario: “Era giusto cosi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:42

La vicende arriva da Macerata dove un ragazzo si è reso protagonista di una gran bella storia, dopo aver riportato ad un uomo i soldi che aveva perduto.

soldi reddito

Una storia d’altri tempi si potrebbe dire, fatta di rispetto ed ottimi sentimenti. Succede a Macerata, dove all’uscita di un bar il giovane Alessio Mazzaferro, di 22 anni, si è ritrovato tra i piedi una busta contenente un bel po’ di soldi, 3mila euro per la precisione. Sorpreso di aver trovato dei soldi in un modo tanto inaspettato e fortuito, il giovane non esita neanche un momento a trovare tracce di un possibile destinatario.

Per fortuna, sulla stessa busta c’è un nome, e cosi Alessio realizza di conoscerla quella persona, e quindi il suo compito è senza dubbio quello di riportare quei soldi allo sventurato proprietario, che di sicuro si starà mangiando le mani per l’assurda distrazione. Il giovane porta i soldi a destinazione, e tra i mille ringraziamenti, gli attestati di stima, le belle parole ed altro, riceve anche una graditissima ricompensa, dall’altrettanto cordiale proprietario delle banconote.

LEGGI ANCHE >>> Povero ma ricco di dignità: restituisce 35mila euro trovati nel mobiletto

Trova 3mila euro e li riporta al legittimo proprietario: “Era giusto cosi”, i soldi erano stati appena ritirati

Il gesto del giovane Alessio ha fatto subito il giro del paese, non al punto da essere riportato oltre confine però. E’ stato un post, pubblicato su Facebook, dalla madre di un amico di Alessio, a far girare la notizia su più vasta scala. La donna, intendeva dare merito al ragazzo, e la giusta risonanza mediatica ad un gesto che non è proprio da tutti, che attesta che per fortuna, oggi, ci si può fidare ancora di qualcuno.

Il giovane Alessio, dal canto suo ha dichiarato di non aver fatto nulla di speciale nel restituire i soldi, e che era giusto cosi. Soldi che tra l’altro, erano appena stati prelevati in banca dallo sventurato proprietario.

LEGGI ANCHE >>> Matera: fingono di essere volontarie e derubano un malato di Sla