L’assassino di Lecce stava scrivendo un romanzo, il titolo è da brividi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:42

Dalle ultime indagini risulterebbe che Antonio De Marco avesse iniziato a scrivere un romanzo, dal titolo molto particolare, alla luce dei tragici fatti che l’hanno poi visto protagonista.

Il prete del carcere: "Antonio De Marco non è un mostro"
Antonio De Marco (Fonte foto: web)

Proseguono le indagini in merito al profilo dell’ormai noto assassino di Lecce, Antonio De Marco, resosi protagonista dell’efferato assassinio di una giovane coppia di fidanzati della città, Eleonora Manta e Daniele De Santis, suoi ex coinquilini. Gli inquirenti, hanno trovato in casa dell’ormai ex studente di scienze infermieristiche un diario, in cui il giovane appuntava probabilmente le cose che gli accadevano. Insieme al diario, alcune pagine, apparentemente di un romanzo, che il giovane aveva iniziato a scrivere.

“Vendetta”, il titolo del romanzo, che secondo ricostruzioni racconterebbe di un ragazzo rifiutato da tutti, non amato, che non riesce a trovare un proprio equilibrio insieme ad altre persone, e quindi resta solo, terribilmente solo. A questo punto il protagonista del romanzo, inizia ad uccidere, quelli che gli sembrano felici, quelli che hanno successo con le donne, quelli che sono come lui vorrebbe essere, per vendicarsi dei torti che la vita, a suo parere gli ha fatto.

LEGGI ANCHE >>> L’assassino di Lecce pensava da tempo di uccidere: le ultime

L’assassino di Lecce stava scrivendo un romanzo, il titolo è da brividi, “Vendetta”

Ripensare a ciò che è successo, a quello che il 21enne ha fatto ad Eleonora e Daniele, il modo in cui li ha uccisi, la violenza incontrollata dell’assassino, e poi sapere di un romanzo, dal titolo eloquente, in cui di fatto, si anticipa ciò che sarebbe poi successo, mette davvero i brividi.

La lucidità del ragazzo, rispetto al piano che si era prefissato. La possibilità di mettere in pratica quello che aveva concepito su carta, attraverso un personaggio immaginario. Le indagini proseguiranno e probabilmente molto ancora si saprà di questo ragazzo, spietato  assassino di una coppia, colpevole soltanto di volersi bene.

LEGGI ANCHE >>> L’assassino dei fidanzati di Lecce aveva scritto ad un’amica : Ti voglio bene