Bonus 2500 euro per le start-up: ecco dove e chi può richiederli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:33

Le aziende che si affacciano nel mondo del lavoro potranno godere di un bonus di 2500 euro per dare vita alle loro idee imprenditoriali. Vediamo dove è possibile e quali sono i requisiti necessari per ottenerlo

Bonus 2500 euro
Fonte Pixabay

Avventurarsi nel mondo del lavoro mettendosi in proprio non è certamente un’attività semplice. In primis bisogna trovare un’idea vincente capace di poter generare profitto e attuarla nel giusto modo.

Purtroppo però bisogna sempre fare i conti con il denaro, che in questi casi assume una valenza quasi prioritaria. Non sempre si dispone della forza economica necessarie, per questo molti si vedono costretti a riporre il proprio sogno nel cassetto, talvolta in maniera definitiva.

Per chi abita a Roma e dintorni però lo scenario potrebbe presto mutare. Vediamo insieme perché e cosa c’è alla base di questo cambiamento.

LEGGI ANCHE >>> Finanziamenti alle imprese: “se sei transessuale puoi averli”

Bonus 2500 euro per le start-up a Roma

Bonus 2500 euro
Fonte Pixabay

La Camera di Commercio di Roma ha lanciato un bando per le start-up 2020 (consultabile sul sito rm.camcom.it). Si tratta di un contributo di 2500 euro valido fino al 31 dicembre per coloro che decidono di dare vita ad una nuova azienda. L’obiettivo di questo sussidio è quello di aiutare in maniera concreta coloro che hanno ideato dei progetti brillanti, ma che senza un sostegno delle istituzioni non potrebbero riuscire ad attuarlo.

La curiosità principale è sicuramente quelle inerente i requisiti e i passaggi necessari. Quali sono nello specifico? Il punto di partenza è la presentazione del business, con tanto di marketing-plan, piano organizzativo, economico-finanziario da parte di coloro che si propongono.

A valutare il tutto sono i centri di Assistenza Tecnica e i centri Servizi per Artigianato aderenti all’iniziativa. Qualora dovessero dare esito positivo, la richiesta sarà trasmessa direttamente alla Camera di Commercio.

Il contributo di 2500 euro sarà tramesso ai soggetti attuatori, che potranno beneficiare inoltre di diversi servizi di accompagnamento come rilevamenti tecnici, iscrizioni agli albi e tanti altri consultabili direttamente sul bando. C’è tempo fino al 31 dicembre per registrare la propria impresa nei registri della Camera di Commercio di Roma. Sono stati stanziati circa 800mila euro per le nuove attività e le domande saranno accolte in ordine cronologico. In caso di insufficienza di fondi si procederà ad una distribuzione proporzionale.

LEGGI ANCHE >>> Bonus ristrutturazione 110% per imprese e autonomi: come richiederlo