Avellino: condizioni gravi per un quindicenne contagiato Covid a scuola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:50

Lui ed il fratello sarebbero stati contagiati in classe poco prima della chiusura, ricoverato per una grave crisi respiratoria.

Avellino: condizioni gravi per un quindicenne contagiato Covid a scuola
Fonte foto: (Web)

Poco prima della chiusura Regionale per le scuole, un ragazzo di quindici anni e suo fratello, sono risultati positivi al Coronavirus che presumibilmente, avrebbero contratto tra i banchi di scuola.

Dopo aver effattuato i tamponi, anche la mamma ed il papà dei due ragazzi di Avellino, sono risultati positivi al Covid-19, e l’intero istituto superiore era poi stato messo in quarantena. Il quindicenne però, è l’unico della sua famiglia ad aver avuto sintomi molto preoccupanti. I familiari, sono asintomatici.

Leggi anche >>> Coronavirus, Milano l’Ats lancia l’allarme: “restate a casa”

Ieri, le condizioni del ragazzo si sono aggravate

Il ragazzo, ha visto le proprie condizioni aggravarsi improvvisamente nella giornata di ieri. Subito, è stato accompagnato all’ospedale Moscati. Secondo i dati raccolti dal Pronto Soccorso, presentava “sintomi importanti”, tanto da far decidere i medici per un ricovero immediato. Il ragazzo, è ora il paziente più giovane, tra i 39 ricoverati per difficoltà legate al Covid-19, dell’ospedale.

Intanto, proprio la Campania annuncia di voler correre presto ai ripari, tramite il Governatore, Vincenzo De Luca. Ufficiale nella Regione, il coprifuoco nel week-end dalle 23 in poi, già dal prossimo venerdì. A proposito della città da dove ci arriva la vicenda del quindicenne, Avellino, sono due i morti causati dalla pandemia, nelle scorse ore. Entrambi, presentavano preoccupanti patologie in precedenza.

Il primo, aveva 56 anni ed era di Mirabella Eclano, il secondo, un novantunenne di Eclano. Il primo, era stato ricoverato il 10 ottobre, con la corsa ieri in Terapia Intensiva, purtroppo vana. Per il secondo invece, il ricovero arrivava in data 12 ottobre 2020. Ora, in Terapia Intensiva, i pazienti sono ancora 5.

Leggi anche >>> Coronavirus: “Sta mordendo, proteggete i vostri genitori e i nonni”