Stop agli sport amatoriali, palestre in prova: tutto sul nuovo Dpcm

Il tanto atteso intervento forte e mirato del Governo è arrivato, ma per alcuni forse ancora no, ciò che conta è che alcune misure siano state prese, qualcosa si sta facendo.

Il Governo Conte, ha varato attraverso decreto, una serie di accorgimenti al precedente dpcm relativo alle restrizioni da mettere in campo per contenere l’epidemia al momento molto forte di Covid19 sul nostro paese. Niente scuole chiuse, niente palestre chiuse, niente lockdown mirati e preventivi. L’ultimo dpcm è qualcosa che sta al centro, qualcosa che limite determinate libertà per non arrivare a limitarne ben altre, una sorta di ultimo tentativo prima di soluzioni più estreme.

Stop agli sport di contatto, nella loro applicazione amatoriale, occhio vigile su palestre, che avranno una settimana di tempo per provare la loro sicurezza, in caso contrario si passerà alla chiusura. Ristoranti aperti fino alle 24, e servizi di consegna a domicilio attivi tranquillamente. Possibilità per i sindaci dei vari comuni di chiudere strade o piazze particolarmente vive, per ciò che riguarda la cosiddetta movida.

LEGGI ANCHE >>> Conte e Lamorgese: no polizia nelle case ma se si sbaglia è lockdown totale

Stop agli sport amatoriali, palestre in prova: tutto sul nuovo Dpcm

Le scuole restano aperte quindi, escluse le superiori, per le quali ci saranno dei programmi a parte da valutare, con la didattica a distanza parziale ed alternata e probabilmente con entrate ed uscite fortemente modificate, questo per consentire una più agibile affluenza di studenti ed insegnanti verso gli istituti scolastici, evitando quindi, inutili assembramenti. Per il resto, tutto aperto, al contrario da quanto stabilito da qualche regione, tipo la Campania, che fino al 30 ottobre non riaprirà le scuole primarie e secondarie.

Il nuovo dpcm, come detto, sembra affermare poco, e invece probabilmente dice tanto, ed assolutamente in linea con le parole del premier, ostinato nel voler provare ad arrivare alla convivenza con il virus, senza dover per forza ricorrere ad eventuali e più dannose restrizioni estreme.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, nuovo Dpcm: a rischio le ferie di Natale? La risposta di Conte