Coronavius, chiusura scuole in Campania: i dubbi di Conte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:07

Nella giornata di ieri il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha ordinato la chiusura delle scuole fino al prossimo 30 ottobre, ma la cosa non è piaciuta al premier.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte (Getty Images)

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha parlato ai giornalisti alla fine dei lavori del Consiglio Europeo. Le parole di Conte, sono subito ovviamente scivolate sulla situazione odierna del paese, colpito fortemente, in ogni regione da un ritorno forte dell’epidemia di Covid19, che già nei primi mesi dell’anno aveva fortemente colpito l’Italia. Ora il virus è tornato e bisogna agire di conseguenza, perchè tutto possa tornare alla normalità.

Il caso Campania, citato dal presidente ad esempio, che ha visto il governatore Vincenzo De Luca, chiudere di fatto le scuole fino al prossimo 30 ottobre, oltre ovviamente ad una serie di ulteriori restrizioni mirate. In questo caso, Conte, aggiunge che nonostante sia un diritto della regione, prendere decisioni in autonomia, non condivide la decisione presa, perchè realisticamente dannosa per i bambini e per i giovani che di fatto resteranno senza scuola.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, numeri allarmanti: la prima regione che chiude le scuole

Coronavirus, chiusura scuole in Campania, i dubbi di Conte: le reazioni

Il presidente appare quindi turbato dalla presa di posizione di De Luca, anche se del tutto lecita, stando alle libertà di azione concesse a tutte le regioni dallo stesso Governo nazionale. Conte parla poi della Lombardia e di Milano, dove descrive la situazione come certo preoccupante ma non teme lockdown parziali, almeno non crede possano essere adottati in quella città, in quella precisa situazione.

La linea del presidente resta quella del dialogo. Il confronto continuo e costante con tutte le regioni, che consente di ascoltare le varie istanze, rifletterci su, insieme e poi prendere decisioni che possano andare bene a tutti, nel rispetto, primario del cittadino e della sua sicurezza.

LEGGI ANCHE >>> Conte e Lamorgese: no polizia nelle case ma se si sbaglia è lockdown totale