Milano, positivi al covid19 al lavoro in ristorante: rischiano il carcere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:32

Trasgrediscono l’isolamento fiduciario e vanno tranquillamente a lavorare in un ristorante. Rischiano fino a 18 mesi di carcere.

Due uomini di 36 e 20 anni, in regime di isolamento fiduciario a causa di una positività al Covid19, riscontrata giorni prima, hanno di fatto violato la restrizione domiciliare, recandosi presso l’attività lavorativa nel quale erano impegnati, un ristorante del milanese. I due, intercettati da una pattuglia del Nucleo Radiomobile, e scovati anche dalle  telecamere si sorveglianza, si sarebbero anche trattenuti all’interno del locale prima di andare via.

I due, di norma, avrebbero dovuto attendere l’esito di un ulteriore tampone prima di poter lasciare l’isolamento domiciliare. Cosi come espressamente richiesto loro dalla autorità sanitarie milanesi. Gli uomini, tra l’altro sarebbero anche stati notati da alcuni testimoni, presenti presso la struttura. A questo punto è dunque partita la denuncia a piede libero per non aver rispettato gli obblighi imposti per la sicurezza sanitaria.

LEGGI ANCHE >>> GF VIP, concorrenti positivi al Covid-19: il racconto spiazza i fan

Positivi al Covid19 vanno tranquillamente a lavorare: cosa potrebbe succedere

I due uomini, a questo punto, considerata la pesante violazione di un regime di isolamento imposto per evidenti rischi sanitari, rischiano una pena che può variare dai 3 ai 18 mesi di reclusione. Inoltre, ai due potrebbe essere imposta una pena pecuniaria che varia tra i 500 ed i 5.000 euro. Ovviamente in seguito all’accaduto, il locale in cui gli uomini lavoravano è stato posto in stato di sequestro. Questo per poter consentire gli interventi di sanificazione dei vari ambienti, cosi come previsto dalla legge.

Una vicenda che ha dell’assurdo, se si considera l’evidente minaccia quotidiana che questo virus rappresenta, soprattutto il Lombardia, che è tra le regioni più colpite d’Italia. Un atteggiamento che rischia di vanificare gli sforzi ed i sacrifici di tanti comuni cittadini, che con rigoroso rispetto assumono determinati  comportamenti. Atteggiamenti assolutamente in linea con le regole e gli obblighi imposti da regioni e Governo.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, positivo al Covid muore al Cotugno: poteva essere salvato, ospedali chiusi