Coronavirus, studio su migliaia di pazienti: il gruppo sanguigno che rischia di meno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:25

Uno studio su quasi mezzo milione di persone ha evidenziato una forte differenza tra gruppi sanguigni ad infettarsi con il Covid.

Sembra che davvero ci sia un gruppo sanguigno che si ammala meno di covid rispetto agli altri. Se ne era già parlato alcuni mesi fa, in pieno lockdown, e ora a supporto della teoria arriva uno studio danese su quasi mezzo milione di pazienti, dunque più che attendibile.

E c’è anche la variante inversa: due gruppi sanguigni in particolare si ammalano più degli altri. Ma veniamo ai dettagli. E’ scritto su ‘La Legge per tutti’. «Sono stati messi a confronto i dati di 473mila danesi sottoposti a prove sul Covid con quelli di un campione di popolazione di oltre 2 milioni di persone, considerando anche la loro origine etnica, visto che la distribuzione dei gruppi sanguigni può variare in base a questo fattore […]

L’esito rivela che il numero di pazienti positivi con sangue di gruppo 0 è molto inferiore rispetto a quelli con sangue di tipo A, B o AB».

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, troppi contagi: scuole chiuse e tutti a casa fino all’alba

Coronavirus, studio su migliaia di pazienti: il gruppo 0 è quello che rischia meno

Dunque lo 0, sia negativo che positivo, sembrerebbe ammalarsi meno degli altri gruppi sanguigni. “Sono stati anche monitorati i dati di 95 persone ricoverati per Covid in condizioni critiche in un ospedale di Vancouver, in Canada […]

“Secondo i ricercatori, il virus si sarebbe manifestato in forma più grave tra i pazienti di gruppi A e AB rispetto a quelli con sangue di tipo 0 o di tipo B”. La differenza più notevole si è vista nei reni e nelle complicanze post contagio. “I primi richiedevano più frequentemente la dialisi per insufficienza renale ed erano più predisposti alla ventilazione artificiale per problemi polmonari. Inoltre, i pazienti A e AB restavano ricoverati più a lungo in terapia intensiva».

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus 16 ottobre: numeri troppo alti, ci aspettano nuovi sacrifici