Omicidio coppia Lecce, De Marco: “Mai avuto una ragazza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30

Nuove rivelazioni in carcere di Antonio De Marco che fanno emergere un profilo ancora più complesso del killer della coppia di fidanzati di Lecce.

Antonio De Marco coppia Lecce
Antonio De Marco (Leggo)

In carcere dopo aver confessato l’omicidio della coppia di fidanzati di Lecce, suoi conoscenti, Antonio De Marco ha fatto una serie di dichiarazioni riguardanti la sua vita, i suoi trascorsi, scavando nella memoria e nel suo passato. Provando ad offrire un profilo lucido sul quale poter poi basare una federe ricostruzione di ciò che abbia potuto spingere il ragazzo a compiere un gesto tanto spietato.

De Marco ha raccontato dello psicologo, con il quale in passato si era confrontato, sotto pressione da parte dei genitori, che lo spingevano a provare quel determinato percorso terapeutico. Ma dopo una sola seduta con uno specialista, il ragazzo abbandona i buoni propositi e le promesse fatte ai genitori, immaginando probabilmente che la cosa non potesse essergli utile considerate quelle che immaginava fossero le sue reali pene.

LEGGI ANCHE >>> Lecce, fidanzati uccisi: La madre dell’assassino chiede scusa

Coppia fidanzati uccisi a Lecce: Le rivelazioni dell’assassino

Tra le cose raccontate da Antonio De Marco, in carcere dopo aver confessato di aver assassinato barbaramente Eleonora e Daniele, coppia di fidanzati di Lecce, con il quale aveva anche in precedenza convissuto, emergono quelle inerenti alle sue pene d’amore. Il ragazzo infatti sarebbe rimasto fortemente scottato da due rifiuti ricevuti da altrettante ragazze, ed inoltre avrebbe confessato di non essere mai stato fidanzato con una ragazza.

Una condizione che probabilmente ha fatto nascere in lui una sorta di rancore verso il genere femminile. Rancore che avrebbe poi potuto spingerlo ad accanirsi in questo modo contro la povera Eleonora ed il suo ragazzo. Ma la pista non convince. Presto saranno prelevati altri campioni di DNA, per confrontarli nuovamente con quelli ritrovati sulla scena del crimine e provare ad avere una visione della dinamica verificatasi nell’appartamento quanto più chiara possibile.

LEGGI ANCHE >>> Omicidio Lecce: stava capendo di essere gay De Marco innamorato di Daniele