Uccise la moglie incinta e strangolò le figlie, arriva il documentario su Netflix

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:10

In uscita, sulla piattaforma Netflix, un nuovo documentario su un efferato triplice omicidio del 2018. Uccise moglie e due figlie.

Uccise la moglie e strangolò le figlie, arriva il documentario su Netflix
Watts e la moglie uccisa, Shanann (Fonte foto: web)

Uccise sua moglie e le due figlie, scuotendo la comunità del Colorado, negli Stati Uniti. Ora, diventerà probabilmente ancor più “famoso”, grazie a Netflix. Il seguitissimo canale streaming, sta preparando infatti un documentario, sull’omicidio di Shanann Watts.

Chris Watts, nell’agosto 2018, strangolò la moglie appena tornata a casa, e provò ad uccidere le due piccole figlie, che inizialmente riuscirono a sfuggirgli. Giunto al campo dove avrebbe seppellito sua moglie, Chris poi uccise anche le piccole, seppellendole separatamente.

Chris aveva un’amante, ma sua moglie era incinta

Polizia in Colorado (Fonte foto: Getty Images)

Su Netflix, mercoledì 30 settembre, è uscito American Murder, documentario che ripercorre la vicenda della famiglia Watts, dove persero la vita, Shanann Watts, che poi si scoprì essere anche incinta, e le due figlie di 3 e 4 anni. Una storia triste ed allo stesso momento spaventosa, che si è ripetuta nelle scorse ore negli USA. Anche Elizabeth, uccisa dal marito a New York, attendeva infatti un altro figlio.

Il documentario presentato dalla piattaforma Netflix, mostrerà agli appassionati, gli ultimi messaggi che si erano scambiati Shanann ed il marito, probabilmente già pronto ad uccidere. Lei, era di ritorno da un viaggio e gli aveva scritto cosa volesse per cena. Chris, le rispose dapprima sul cibo, per poi chiederle se per caso il suo aereo fosse in ritardo, pensando già appunto, con tutta probabilità, all’omicidio da compiere.

Dalle indagini, affiorò poi la presenza di un’amante nella vita dell’uomo, tale Nichol Kessinger, conosciuta sul luogo di lavoro e per cui Watt era sempre più freddo in famiglia, nonostante la nascita di lì a poco di un terzo figlio. Chris Watt, dopo aver compiuto il triplice omicidio, si costituì, dichiarandosi colpevole.

Dopo che Shanann era tornata dal suo viaggio, si era poggiata sul letto, dove Chris cogliendola di sorpresa, la soffocò uccidendola. Le due piccole figlie di 3 e 4 anni, riuscirono in un primo tentativo di omicidio del padre, e furono trascinate in un campo petrolifero dall’assassino, insieme al corpo senza vita della madre. Lì, il killer riuscì ad uccidere anche le bambine, strangolandole, per poi lasciar cadere i loro corpi in due serbatoi dell’olio separati.