Gioele Mondello: chi è l’ex carabiniere che l’ha trovato?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:50

Chi è Pino Di Bello, l’ex carabiniere che ha compiuto la macabra scoperta: il corpo senza vita del piccolo Gioele

Gioele Mondello: chi è l'ex carabiniere che l'ha trovato?
Giuseppe Di Bello (Fonte foto: web)

Fu l’ex carabiniere, Giuseppe Di Bello, a trovare il corpo di Gioele Mondello, dopo giorni di ricerche. “L’ho trovato dove gli altri non lo hanno cercato”, disse l’ex militare, che cercò armato di una falce, tra la boscaglia di Caronia, in provincia di Messina.

Del piccolo, fu ritrovato qualche resto di corpo, secondo le testimonianze, lui non aveva più gli arti e fu una visione spaventosa. Secondo le indagini, il piccolo sarebbe stato ucciso da un animale selvatico. Ancora sospetti, sul cosa avesse spinto alla fuga Viviana, la mamma del piccolo.

Giuseppe Di Bello, ecco chi è l’ex carabiniere

Giuseppe Di Bello (Fonte foto: web)

Pino Di Bello, come viene chiamato dalle sue parti, ha 55 anni ed è di Capo d’Orlando. Pur essendo un ex militare ormai in congedo, ascoltò l’appello di Daniele, il papà del bambino, disperato per la perdita di suo figlio. Di Bello non fu l’unico, ma si unì ad almeno un centinaio di persone. Una volta ritrovato il corpo del piccolo Gioele, l’ex carabiniere allertò i Vigili del Fuoco, che a loro volta informarono il magistrato che coordinava le indagini.

Nel giorno del ritrovamento, Giuseppe Di Bello arrivò sul posto con un amico, Francesco Radici, che era lì per dare un aiuto. Le ricerche, furono condotte presso il traliccio, dove giorni prima era stata ritrovata la madre di Gioele. Cappellino, maglia rossa, jeans ed una mascherina, il cinquantacinquenne aveva capito dove scavare, cosa che ancora non aveva, stranamente fatto ancora nessuno. Più che altro, nessuno si era ancora spinto sin lì. Così, l’ex carabiniere: “L’ho trovato dove gli altri non lo hanno cercato. Sono arrivato dove nessuno era ancora arrivato“.

In seguito al ritrovamento, Giuseppe Di Bello rilasciò alle tv alcune dichiarazioni, ma quando i giornalisti, subito dopo la scoperta, gli chiesero a suo parere, cosa ci facesse il piccolo Gioele proprio lì, rispose: “Non mi interessa, saranno i magistrati a scoprirlo”, probabilmente ancora molto scosso dalla visione avuta pochi minuti prima.