L’ultimo spinello: si addormenta sul figlio di 4 mesi che muore schiacciato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:35

Una tragedia che si sarebbe potuta evitare se un padre non avesse deciso di fumarsi un ultimo spinello prima di addormentarsi.

Una tragedia per colpa di uno spinello. Una vita spezzata a soli 4 mesi per colpa della droga. Il padre, oltre ad essere perseguito dalla legge, non scorderà mai quella sua ultima ‘canna’. Perché grazie a quella uno dei suoi due figli oggi non c’è più.

Tragedia nella tragedia. Il dramma di un padre, la droga, la morte di una vita appena sbocciata. E’ successo nel Regno Unito, a Blackpool, in Inghilterra. Dalle prime informazioni non è ancora chiaro dove si trovasse la madre in quel momento, forse a lavoro. Brooklyn Newton, il giovane padre, stava accudendo i suoi due figli Isaac di 4 mesi e il fratello più grande.

L’ultimo spinello, si addormenta sul figlio di 4 mesi: trovato a testa in giù con sangue dal naso

polizia inglese

Newton ha fumato uno spinello: i suoi due figli erano accanto a lui sul letto. Poi, si è addormentato improvvisamente. Durante la notte, ancora sotto effetto della cannabis, l’uomo si è agitato nel letto senza accorgersi di avere schiacciato sotto di lui il figlio di 4 mesi.

Il peso del padre non ha lasciato scampo a Isaac che è morto soffocato e di sicuro dopo una grande sofferenza: nessuno ha però sentito i suoi lamenti. Al risveglio, il padre si è accorto che il piccolo era freddo e aveva del sangue uscito dal naso. Ha immediatamente chiamato i soccorsi, ma per il piccolo non c’era più niente da fare.

Secondo l’autopsia già effettuta, al suo ritrovamento Isaac era morto da tempo ed era sdraiato a faccia in giù sul letto. La polizia che ha iniziato subito ad indagare sull’accaduto, si è accorta della presenza di droghe e strumenti utilizzati per il consumo. Ora il padre dovrà rispondere di omicidio.

LEGGI ANCHE -> L’ultima foto con mamma, poi il cane lo sbrana e spazza via i sogni: a 12 giorni

LEGGI ANCHE -> Scomparsa da 8 anni, la famiglia prende la sua pensione: guardate bene in cantina