“Tu che credi che il Covid non esiste, leggi qui” Il racconto di un malato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:29

Ex paziente racconta la sua battaglia su Facebook e lancia un allarme: «Svegliatevi e non state a sentire chi vi dice che il virus non esiste».

Chi meglio di un ex malato di Covid può raccontare che cosa significhi essere davvero infettati dal virus? Lo hanno fatto in pochi, se non i Vip della televisione. Roberto Perruccio, preoccupato dal negazionismo degli ultimi giorni, ha voluto postare su Facebook un monito a non abbassare la guardia e a non sottovalutare un nemico cinico.

L’uomo mostra una foto del 18 marzo. «Quello sono io. Ero al giorno 26 di positività al Covid. Ne avevo davanti altri 14. Ero al giorno 24 senza vedere mio figlio. Ne avevo avanti altri 36» […]

Un racconto dedicato a chi dice «ma sì, prendiamocelo tutti questo virus.., Ero al giorno 33 senza vedere la mia compagna. Ne avevo davanti altri 57 – prosegue Perruccio nel post -. Ero al giorno 42 senza vedere i miei genitori. Ne avevo davanti altri 138 […] Ero stanco, solo, incazzatissimo. I sintomi più forti erano passati, ma il disagio di essere stato così male c’era ancora. Bello forte».

«Tu che credi che questo virus non esista – ammonisce Perruccio –  che però ti scansi di un metro quando ti dico che l’ho avuto, guardala bene questa foto. Poi guardati allo specchio e sputati in faccia”.

“Ma parliamo di cose vere – continua -. I miei anticorpi stanno calando. A maggio avevo 12.1 IgG A giugno 10.1 A Luglio 9.8 Ora vedremo ad agosto. Ma se continua così, entro la fine dell’anno avrò perso la mia copertura. […] E dedico questa info a chi ora dice “Ma sì, prendiamocelo tutti questo virus, così poi siamo immuni”.

“Eh no. L’immunità perenne non esiste. E la durata degli anticorpi cambia da persona a persona. C’è chi li ha già persi […] Non fatevi idee vostre su questo virus. Non state a sentire quei cazzari che si ergono a tuttologi alla disperata ricerca di un pulpito […] Chiedete a noi che ne siamo usciti e che ci stiamo facendo studiare per capirci qualcosa.

Non mordiamo e non siamo contagiosi. Però, che facce un po’ sceme fate quando dico che ho avuto il Covid. Manco raccontassi una barzelletta».

LEGGI ANCHE -> Inferno a Beirut: 78 morti e 4 mila feriti tra cui un militare italiano

LEGGI ANCHE -> Coronavirus, 40enni gravissimi a Piacenza: violento come i primi giorni