Rafiki, il gorilla amico: 11 anni al bracconiere che lo ha ucciso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:06

Rischiava l’ergastolo, è stato condannato a 11 anni di carcere il bracconiere che uccise il gorilla Rafiki, il re incontrastato della montagna ugandese.

Giustizia è fatta finalmente per Rafiki. Felix Byamukama, il bracconiere che lo aveva brutalmente ucciso nel giugno scorso in Uganda, è stato condannato a 11 anni di carcere.

L’uomo si è dichiarato colpevole di ingresso illegale in un’area protetta e omicidio di gorilla, una specie in via d’estinzione. Rischiava l’ergastolo. C’erano altri tre uomini con lui quel giorno, ora sono in attesa di processo.

Una pena dura, ma gli è ‘andata bene’ rispetto a quella cui rischiava di andare incontro. Secondo una legge sulla protezione della fauna selvatica approvata lo scorso anno, il processo sarebbe potuto finire con l’ergastolo o l’obbligo di pagare una multa di 5,4 milioni di dollari.
Ad aggravare la posizione dei 4 bracconieri erano le modalità particolarmente cruente con cui il gorilla era stato cacciato. A salvare Byamukama dal carcere a vita il fatto che non sia stato processato da un tribunale speciale per la fauna selvatica.

 

Rafiki aveva 25 anni ed era uno dei gorilla più noti delle montagne dell’Uganda. Rafiki vuol dire “amico” in lingua swahili. Era il leader di un gruppo di 17 membri che lo seguivano ciecamente. “La morte di Rafiki lascia il gruppo instabile e c’è la possibilità che possa disintegrarsi”, aveva commentato all’uccisione Bashir Hangi delll’Uganda wildlife authorithy (Uwa).

La condanna al bracconiere è stata presa con grande soddisfazione dagli animalisti che si erano battuti dopo il ritrovamento del cadavere dell’animale. Ma la morte di Rafiki rapprenta un “duro colpo”, come ha riferito l’Uwa. L’agenzia governativa ricorda che rimangono poco più di 1.000 gorilla di montagna, un numero esiguo e sempre più minacciato dall’uomo.

LEGGI ANCHE -> Pisa: lasciano il cane in auto sotto al sole per ore: muore dopo atroci sofferenze

LEGGI ANCHE -> Orrore a Livorno: immigrato uccide un gatto e lo cucina per strada