Roberto Baggio in lacrime, il lutto più doloroso: “voleva diventassi ciclista”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:38

Il lutto più doloroso, la persona a cui era molto affezionato: Baggio “voleva che facessi il ciclista, non il calciatore”.

Avrebbe preferito che Roberto facesse il ciclista ma lo ha appoggiato in tutto e per tutto nella sua lunga carriera di calciatore. Campione indiscusso e uomo dai grandi valori.

E’ morto Florindo Baggio, aveva 89 anni: se ne è andato per sempre, era ricoverato in una clinica di Vicenza. Era il padre dell’ex grande calciatore di Juventus, Inter, Milan, Fiorentina e della Nazionale italiana. Roberto era molto legato al padre, che sperava che il figlio diventasse ciclista ma capì ben presto che avrebbe dovuto giocare a calcio.

Florindo era malato e nelle ultime settimane ha avuto un peggioramento che si è rivelato  fatale. E’ stata la famiglia Baggio a comunicare che papà Florindo è mancato. Una triste notizia che è arrivata nella tarda mattinata di oggi, sabato 1 agosto.

Florindo era sposato con Matilde e oltre al grande campione, Pallone d’Oro nel 1993, aveva avuto altri sette figli. Florindo non stava bene da parecchio tempo, le sue condizioni sono via via peggiorate nelle ultime settimane prima della morte, avvenuta in una clinica di Vicenza.

Papà voleva che Roberto diventasse un ciclista

Baggio è legato alla sua famiglia, che ha sempre tenuto fuori dalla sua vita pubblica. Geloso della sua privacy  Roberto rivelò anni fa che il padre cercò di farlo diventare un ciclista. Era sport nazionale alla pari del calcio: poi anche Florindo capì che il talento del figlio era unico e lasciò Roberto giocare a calcio, e fu un bene non solo per Baggio ma per tutti gli appassionati di calcio.

La passione per il ciclismo e in particolare per Merckx, portò Florindo a dare il nome di Eddy a uno dei suoi figli, anche lui è stato calcaitore.

LEGGI ANCHE -> Marcelo Brozovic, nuova bravata: carabinieri costretti ad intervenire

LEGGI ANCHE -> Lutto nel calcio femminile: muore a 22 anni Alina Seeber