Detrazione spese funebri: come funziona e quanto si può recuperare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:25

Attraverso la dichiarazione dei redditi è possibile la detrazione spese funebri sostenute per amici o parenti. Ecco le percentuali e i limiti di spese previsti 

detrazione spese funebri
Fonte Pixabay

Novità all’orizzonte per quanto concerne la detrazione delle spese funebri. Nel modello 730/2020 è possibile riportare le spese sostenute per far fronte al decesso di un parente o di una persona cara. Il contribuente potrà aggiungere le spese sostenute nel corso del 2019 beneficiando di un rimborso percentuale ai fini Irpef.

Lo sgravio fiscale si può ottenere anche nel caso la persona deceduta non sia a carico e non figuri tra i congiunti di famiglia. È stato infatti eliminato il vincolo parentale, in modo tale da consentire di poter inserire la spesa per tumulazione e funerali nella propria dichiarazione dei redditi. Naturalmente ciò può avvenire solo a patto che venga rilasciata la fattura dall’impresa di pompe funebri.

Nel caso in cui i costi siano stati sostenuti da più soggetti, la fattura può essere ripartita e successivamente inserita nel modello 730 da ognuno dei partecipanti in base a quanto sborsato.

Detrazione spese funebri: quali spese possono dichiarare

Detrazione spese funebri
Fonte Pixabay

Per forza di cose è bene fare chiarezza su quali sono le spese detraibili in queste circostanze. Tra queste vanno annoverate la ricevuta del versamento effettuato al Comune per i diritti cimiteriali, la fattura dell’agenzia di pompe funebri oltre che le spese per il fioraio e gli annunci funebri. 

Possono rientrare nella detrazione anche la lapide, le fotografie e gli addobbi cimiteriali a patto che rientrino nello stesso periodo d’imposta. Di solito però le agenzie funebri si occupano di tutto e per questo emettono una sola fattura con tutte le voci dei vari servizi sostenuti per poi girarla all’Agenzia delle Entrate.

Detrazione spese funebri: importo tetto massimo

Per quanto concerne invece numeri e cifre, la normativa prevede la detrazione Irpef del 19% sulle spese funebri sostenute nel 2019. C’è però un limite massimo, ovvero 1550 euro che consente di ottenere una detrazione totale di 294,50 euro.

Questo limite si riferisce a ciascuno decesso anche nel caso in cui abbiano contribuito al funerale più individui. I dati vanno inseriti tassativamente nel modello 730 anche laddove non fosse presente il campo relativo alle spese funebri. Le si può aggiungere manualmente modificando i campi prima della trasmissione della dichiarazione.

LEGGI ANCHE >>> Detrazioni veicoli disabili 2020: come è possibile usufruirne

LEGGI ANCHE >>> Detrazioni fiscali, come funzionano con figli a carico?