Detrazioni veicoli disabili 2020: come è possibile usufruirne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30

Nella dichiarazione 730 e nel modello unico per l’anno 2020 è possibile usufruire di detrazioni veicoli disabili del 19% sulle spese sostenute. Chi può averlo? Cosa bisogna fare per richiederlo? 

Detrazioni veicoli disabili 2020
Fonte Pixabay

In un anno in cui le detrazioni fiscali sono all’ordine del giorno è bene comprendere come poterne usufruire a 360°. Oltre al già noto bonus ristrutturazione al 110% ce ne sono molti altri inerenti altre tematiche come ad esempio quelli sui veicoli per disabili.

Nella dichiarazione 730 e nel modello Unico 2020 si possono detrarre il 19% per questo genere di spese. Ovviamente trattandosi di una questione piuttosto delicata, bisogna rispettare alcuni parametri, sia per quanto concerne gli aventi diritto, sia per i tipi di veicoli per cui è possibile la detrazione.

Dunque analizziamo le varie casistiche per chiarire come è possibile accedere a questo sgravio fiscale.

Detrazioni veicoli disabili: chi può usufruirne?

Veicoli per disabili
Fonte Pixabay

In primis bisogna stabilire qual è la platea dei possibili beneficiari. Dunque, ecco chi ha diritto a detrarre i suddetti costi sostenuti:

  • non vedenti,
  • persone sordomute,
  • portatori di handicap psichico o mentale,
  • persone con gravi limitazioni permanenti dell’attività motoria,
  • disabile con ridotte o impedite capacità motorie,
  • familiare del disabile, qualora quest’ultimo sia a suo carico.

Dunque, sono diverse le casistiche, tutte naturalmente con un grado di disabilità piuttosto importante oltre che comprovata.

Detrazioni veicoli disabili: quali veicoli riguarda?

Il secondo quesito riguarda la tipologia di mezzo di trasporto. Quali sono quelli che danno il diritto d’accesso alla detrazione? In questo caso le categorie sono essenzialmente due, ovvero: autoveicoli e motoveicoli adattati alla disabilità e autoveicoli per il trasporto di persone con disabilità mentali o fisiche gravi tali da rendere indispensabile l’accompagnamento e la relativa indennità.

Detrazioni veicoli disabili: cosa fare per accedere all’agevolazione

Una volta svelati i possibili fruitori non rimane altro che capire come e quando si può ottenere la detrazione. Ciò è possibile una sola volta in quattro anni con un limite di spesa di 18075,99 euro. Si può suddividere lo sgravio fiscale in 4 rate dello stesso importo e la richiesta può essere effettuata per un solo veicolo, che naturalmente deve essere utilizzato per le esigenze del soggetto disabile.

La detrazione fiscale è prevista anche per le spese straordinarie, ma non può essere rateizzata e quindi andrà inserita nella dichiarazione dell’anno in cui è stata sostenuta la manutenzione. Il vincolo però è che i costi di riparazione avvengano entro i primi quattro anni dall’acquisto del mezzo.

LEGGI ANCHE >>> Detrazioni fiscali, come funzionano con figli a carico?

LEGGI ANCHE >>> Detrazioni fiscali 2020: come richiederle e come risparmiare