Decreto rilancio: spuntano 133 mila euro in voli a spese degli italiani

Scoperte spese nel decreto Rilancio che non hanno nulla a che vedere con la gravissima crisi economica che stanno vivendo milioni di famiglie italiane.

In questi casi è sempre meglio partire dalla ‘carta’ senza dubbi di faziosià e restando fedeli all’unica cosa che conta davvero: i dati. Ecco perchè vogliamo iniziare con il mostrarvi la foto dell’oggetto di discussione.

Carta canta

Questi i dati previsti dal Dl Rilancio per i viaggi istituzionali. Viaggi che ci sono sempre stati, certo, ma è necessario volare con tutti i lussi in un momento in cui la maggioranza degli italiani fa fatica a comprare il latte per i figli? Dove è finita la ‘battaglia contro la casta e i privilegi’ del Movimento 5 Stelle?

Nicola Porro e Mario Giordano, durante un’inchiesta condotta per il programma Quarta Repubblica, hanno scoperto questi dettagli e hanno immediatamente scatenato un polverone mediatico contro il governo.

Potrebbe interessarti Dopo Bonafede, Renzi salva anche Salvini, Pd infuriato

Vengono previsti 40 viaggi in business class. Ogni volo costa 2.500 euro, per un totale di 100mila euro a cui ne vanno aggiunti altri 133 mila per pasti e trasporti.

“Una fregatura per gli italiani”

Il commento di Mario Giordano sull’argomento ‘spese istituzionali’ è stato impietoso. Il giornalista, che insieme a Nicola Porro ha portato alla luce questo documento, lo ha definito senza mezzi termini “una vera e propria fregatura per gli italiani”

Mario Giordano, nella sua puntata di Fuori dal Coro di martedì, aveva molti ospiti in colegamento: tutti in una situazione economica disperata, chi per una cassa integrazione mai arrivata, chi perchè non riesce ad ottenere neppure gli spicci come i 600 euro per le partite iva, chi perchè è stato appena licenzaito dai suoi datori di lavoro.

Potrebbe interessarti Coronavirus, dati che peggiorano: le tre regioni più a rischio

Chiaro che in mezzo a tanta disperazione, il documento di ‘lusso’ mostrato, ha scatenato l’indignazione dei presenti e una protesta partita immediatamente dal popolo social. Dal governo, per ora, nessuna risposta ufficiale.

Suona strano anche che questa misura sia stata firmata dal Movimento 5 Stelle, che a partire dalle sue origini, ha sempre lottato contro certi privilegi della casta, avranno cambiato idea?